Tintin

¤ Un nuovo record per Tintin

Tintin il reporter/detective creato dal fumettista belga Hergé non è nuovo a quotazioni milionarie, ma 2,5 milioni di euro per una tavola, sono un record per una copertina di un fumetto.


 

Tintin cerca di battere se stesso, dopo che la copertina di “Tintin in America” venduta per 1,3 milioni di euro, cifra che però potrebbe essere superata da un nuovo lavoro di Hergé messo all’asta tra qualche giorno alla Brafa (Brussels Art Fair) di Bruxelles, una delle fiere più prestigiose di arte e antiquariato d’Europa.

Alain Huberty, co-fondatore della Brussels Petits Papiers Galery, che espone “L’Etoile mystérieuse” ha dichiarato: “I compratori hanno una certa età, cominciano dai 30 anni, ma quelli con un budget più alto hanno tra i 40 e i 60 anni, dato che si hanno più soldi da spendere a quell’età. Comprano memorie Della loro infanzia. Il valore è dato dal nome dell’autore, ma anche dalla qualità dell’oggetto e dell’asta. Alcuni pezzi eccezionali possono raggiungere dei prezzi di fatto eccezionali, è il caso della copertina del volume di Tintin”.

Il prezzo stimato per “L’Etoile mystérieuse” è infatti di 2,5 milioni di euro, ma viste le recenti aste per Tintin che la cifra potrebbe salire ancora più in alto, battendo ogni record.

Tintin, che ha compiuto ottantacinque anni, nonostante le polemiche che ancora coinvolgono il personaggio accusato di conservatorismo, anticomunismo e razzismo, rimane ancora uno dei fumetti più famosi d’Europa, con vendite totali che raggiungono i 200 milioni di esemplari.

Il personaggio di Tintin, giornalista dal ciuffo biondo e calzoni alla zuava, accompagnato da un piccolo fox terrier bianco Milú, ebbe un immediato successo e, come ogni buon giornalista, non viaggiava dove voleva ma dove lo mandava il direttore così nella sua prima avventura denuncia le nefandezze del sistema sovietico (“Tintin nel Paese dei soviet” – 1929) mentre nella seconda avventura tesseva le lodi del colonialismo belga (“Tintin nel Congo” – 1930); entrambe le storie verranno poi ridisegnate, dallo stesso Hergé, dopo la Seconda Guerra Mondiale, un periodo oscuro anche per l’autore che verrà anche accusato di collaborazionismo, ma il successo di Tintin era troppo grande, per fermare le sue avventure, fino ad arrivare alla ventiquattresima avventura (“Tintin e l’Arte Alfa” – 1983) rimasta incompiuta per la morte dell’autore.

Tintin

La preziosa tavola di Hergé (copertina di Tintin – L’Etoile mystérieuse) in asta al Brafa di Bruxelles,

Tags:  ,

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>