The Stitches Screencaps Una tomba per le lucciole Collection

La scorsa settimana avevamo iniziato a presentarvi e parlarvi degli Stitches Screencaps, una moda che nel resto del mondo sta prendendo rapidamente piede e che nel nostro paese è poco o per nulla conosciuta. Detta in poche e sintetiche parole, la tecnica dello Stitches Screencaps, consiste nel catturare immagini ad alta risoluzione (solitamente a 1080P, ma non di rado anche a 720P) da lungometraggi e serie tv (non necessariamente di tipo anime) per realizzare degli sfondi per PC.

Come vi dicevamo, di Stitches Screencaps se ne trovano di diversi tipi e praticamente non esiste serie (specie degli ultimi anni) che, per la gioia dei fan non abbia beneficiato di questa tecnica. Nel nostro primo appuntamento vi abbiamo mostrato una prima gallery fotografica che ci propone dei sapienti collage fatti utilizzando varie delle più celebri opere di Miyazaki

Vi avevamo detto che girando per la rete ci siamo imbattuti in diverse Stitches Screencaps tratte dai lungometraggi dello Studio Ghibli e quindi, inevitabilmente, anche dalle opere di Hayao Miyazaki uno dei più grandi se non il più grande fumettista, animatore, sceneggiatore, regista e produttore giapponese vivente.

Vista l’importanza e la diffusione a livello mondiale delle sue opere (ricordiamo ai nostri lettori che Hayao Miyazaki è stato il primo ed unico regista a vincere un Oscar con un film Anime), abbiamo deciso di dare risalto e diffusione a queste Stitches Screencaps dedicate al sommo maestro e regista, sapendo di regalarvi un qualcosa che, altrimenti, difficilmente riuscireste a trovare, vedere ed apprezzare.

In questo nostro secondo appuntamento vi mostriamo una gallery fotografica che ci propone dei sapienti Stitches Screencaps realizzati utilizzando i più suggestivi fotogrammi della pellicola “Una tomba per le lucciole”. Si tratta di 67 immagini che riescono a catturare tutta la bellezza, la poesia e lo stile grafico racchiuse in questo piccolo capolavoro dell’animazione, pur trattandosi di immagini statiche, riescono ugualmente ad incantare e rapire l’osservatore che, inevitabilmente, ne rimane estasiato.

Come già detto nel nostro precedente articolo, si tratta di immagini talmente belle ed evocative che potrebbero essere raccolte in un Art Book e, come vi abbiamo già detto, questo non sarà l’ultimo appuntamento di un ciclo che dedichiamo Hayao Miyazaki per farlo conoscere anche a tutti quelli che, purtroppo, non hanno ancora avuto la fortuna conoscere il suo lavoro.

Per oggi ci fermiamo qui ma vi diamo appuntamento alla prossima puntata di questa nuova rubrica che, per il momento, dedichiamo solamente ed unicamente ad Hayao Miyazaki ma se lo riterrete opportuno, estenderemo anche ad altri prodotti d’animazione altrettanto meritevoli quindi, se volete rimanere aggiornati, continuate a seguirci.

Stay Tuned!!!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>