Sin City

¤ [Speciale Live Action] Sin City (2005)

Questa settimana, per il nostro consueto appuntamento dedicato ai live action tratti da fumetti ed animazione, vi parleremo di una trasposizione in live action. Si tratta di una produzione Americana realizzata nel 2005 ed il cui titolo è Sin City.


Sin City è un film del 2005 scritto e diretto da Robert Rodriguez, Frank Miller e Quentin Tarantino (special guest director in una parte dell’episodio Un’abbuffata di morte).

Tratta dall’omonimo fumetto dello stesso Miller, una serie dell’editore indipendente Dark Horse Comics, la pellicola è divisa in tre episodi, che raccontano tre storie dell’opera originale di Miller: Un duro addio, Quel bastardo giallo e Un’abbuffata di morte. All’inizio e alla fine del film viene accennata la parte che nel fumetto corrisponde al racconto Il cliente ha sempre ragione.

Tutto il progetto si è svolto sotto la supervisione dell’autore Frank Miller, che è anche co-regista e co-sceneggiatore del film, rimasto affascinato dal progetto del regista Rodriguez, da sempre un grande fan del fumetto. Oltre a Miller e Rodriguez, è accreditato alla regia anche Quentin Tarantino come «Special Guest Director», che ha diretto la sequenza in macchina con Jackie Boy (Benicio del Toro) dell’episodio Un’abbuffata di morte per la simbolica cifra di 1 dollaro, restituendo un favore all’amico Rodriguez, che aveva composto alcune musiche per il suo Kill Bill per la stessa cifra.

Il cast della pellicola è composto da: Bruce Willis, Mickey Rourke, Jessica Alba, Clive Owen, Nick Stahl, Powers Boothe, Rutger Hauer, Elijah Wood, Rosario Dawson, Benicio Del Toro, Jaime King, Devon Aoki, Brittany Murphy, Michael Clarke Duncan, Carla Gugino, Alexis Bledel, Michael Madsen, Tommy Flanagan, Rick Gomez, Josh Hartnett, Marley Shelton, Arie Verveen, Cara D. Briggs, Jude Ciccolella, Jeffrey J. Dashnaw, Jesse De Luna, Jason Douglas, Christina Frankenfield, Frank Miller (III), Randal Reeder, Nick Offerman.

     

La pellicola è divisa in tre episodi, che raccontano tre storie dell’opera originale di Miller: “Un duro addio”, “Quel bastardo giallo” e “Un’abbuffata di morte”. All’inizio e alla fine del film viene accennata la parte che nel fumetto corrisponde a “Il cliente ha sempre ragione”.

Il Cliente ha Sempre Ragione – The Customer is Always Right (Prologo)
Il film comincia con una scena ambientata in una notte di pioggia, su una balconata di un grattacielo della violenta e corrotta Sin City, una ragazza, impegnata ad ammirare il panorama notturno della città, viene avvicinata e successivamente sedotta da un affascinante ragazzo. Lei accenna al fatto che è spaventata e che è stufa di fuggire. Il suo giovane seduttore di lavoro fa il killer ed è stato assoldato per eliminarla.

Quel bastardo giallo (parte 1)
Nel porto di Sin City, il poliziotto John Hartigan sta tentando di fermare Roark Junior, un serial killer e pedofilo che ha rapito la piccola Nancy Callahan. Bob, il collega di John cerca di fermarlo, ma John lo stende con un pugno. Hartigan mette al tappeto i due criminali locali Shlubb e Klulmp che stanno facendo la guardia alla Jaguar di Roark. Junior è all’interno con la bambina con due scagnozzi. Hartigan spara e uccide questi ultimi, ma Junior afferra la bambina e fugge. Hartigan li segue e gli spara ad un orecchio, un braccio e all’inguine. Bob, che ha nel frattempo ripreso conoscenza, raggiunge Hartigan e gli spara. Mentre si sentono le sirene dei rinforzi che stanno arrivando Hartigan perde conoscenza convinto di morire, ma sapendo che Nancy è salva.

Un duro addio
Marv, dopo essere stato a letto con Goldie, l’unica donna della sua vita che l’abbia apprezzato (in realtà una prostituta), scopre che questa è stata misteriosamente uccisa e che lui sta per essere incastrato. Decide così di vendicare in ogni modo la sua morte. Fa tappa a casa di Lucille che cerca di dissuaderlo dal vendicarsi. Marv però non le dà retta e inizia a cercare la verità, torturando ed uccidendo chiunque non riesca a dargli le informazioni che lui desidera. Scopre che dietro tutto ciò c’è la famiglia Roark, la più influente famiglia di Sin City, cui nessuno può mettersi contro, e riesce a risalire all’omicida. Questo è Kevin, cannibale spietato che assieme al suo lupo mangia le vittime, tranne la testa che viene conservata per trofeo. Giunto nel luogo dove risiede Kevin non riesce a fronteggiarlo e viene intrappolato. Risvegliatosi nella cella dove figurano le teste delle altre prostitute uccise trova Lucille, anche lei intrappolata e mutilata di una mano. Preso dalla rabbia più sfrenata Marv riesce a uscire dalla cella, ma purtroppo in uno scontro con la polizia Lucille perde la vita. Però viene a sapere che tra quelli che lo vogliono morto c’è il Cardinale Roark. Inizia così a pianificare il metodo migliore per uccidere Kevin. Si dirige prima nella Città Vecchia dove trova la sorella gemella di Goldie, Wendy, che dopo una certa titubanza iniziale decide di aiutarlo. Assieme a Wendy si dirige verso il covo di Kevin, lo immobilizza e gli taglia gambe e braccia, lasciando il suo corpo in pasto al suo lupo. Alla fine rimane solo la testa che viene portata da Marv al Cardinale Rourke. Al cospetto del Cardinale viene a sapere che Kevin non si cibava soltanto dei corpi, ma anche delle anime delle sue vittime, e che lui stesso ha provato una volta a fare altrettanto. Le vittime erano inoltre solo prostitute, obiettivi che avrebbero permesso che nessuno si preoccupasse della loro morte, visto che erano totalmente emarginate dalla società. A quel punto dopo averlo torturato, Marv uccide il Cardinale. Non fa tempo ad uscire dalla stanza che è catturato dalla polizia che gli spara ferendolo. L’influenza del Senatore Roark, fratello del cardinale, si fa sentire. Marv viene accusato dell’omicidio del Cardinale Roark, di Kevin, ma anche di Lucille e soprattutto di Goldie. È così destinato a morire sulla sedia elettrica, senza nessuna speranza di salvezza. In prigione però avviene l’unica cosa che riesce a sollevare il morale di Marv, ovvero la vista inaspettata della sorella di Goldie che lo ringrazia per aver vendicato Goldie: adesso è pronto a morire.

Un’abbuffata di morte
Shellie è una barista che viene disturbata dal suo ex compagno Jackie Boy, violento e ubriaco. Il suo attuale compagno Dwight, disgustato dal comportamento di Jackie, lo aggredisce dopo che Jackie ha tirato un pugno a Shellie. Jackie e i suoi compagni partono con la macchina e si dirigono verso la città vecchia. Dwight li segue, convinto che stiano per provocare guai. Mentre Jackie disturba la giovane prostituta Becky, Dwight e Gail osservano la scena. Quando Jackie minaccia Becky con una pistola, entrano in azione le altre prostitute: Miho li uccide tutti. Dwight, che raggiunge la scena con Gail si accorge che Jackie è un poliziotto e la sua morte potrebbe essere catastrofica e mettere fine al tacito patto tra la polizia e le prostitute. Dwight decide che i corpi devono sparire, in modo che nessuno sappia che sono stati uccisi. Il suo piano consiste nel portarli nei pozzi di catrame, dove la polizia non potrà trovarli. La macchina che Dwight chiede alle ragazze di procurargli tuttavia ha un bagagliaio piuttosto piccolo, e non riesce a contenere anche il corpo di Jackie Boy, che viene invece messo sul sedile anteriore. Durante il viaggio Dwight ha una allucinazione, e vede il cadavere di Jackie Boy che gli parla. L’auto esaurisce il carburante a 400 m dai pozzi di catrame, e mentre Dwight la sta spingendo viene colpito da un’arma da fuoco. Nel frattempo Manute giunge nella città vecchia e cattura Gail, affermando che un informatore gli ha rivelato tutto e che la città vecchia sta per essere invasa. Alcuni mercenari raggiungono Dwight alle pozze di catrame; dopo uno scontro a fuoco, Dwight cade nella pozza. Mentre i mercenari decapitano il corpo di Jackie Boy, prendendo la testa, Dwight affonda inesorabilmente nel catrame. Quando pensa che tutto sia finito, Miho e le altre ragazze uccidono alcuni mercenari e salvano Dwight. Dopo aver inseguito i mercenari per recuperare la testa di Jackie Boy, ne segue uno scontro a fuoco che termina con la morte dei mercenari, di Dallas e il recupero della testa. Dwight progetta un piano con Miho e tornano in città. Gail viene torturata e scopre che l’informatore è Becky, che ha collaborato con Manute. Miho invia un messaggio a Manute che gli propone lo scambio di Gail con la testa di Jakie Boy. Il luogo dello scambio è una stretta strada, e Dwight nasconde nella bocca di Jackie Boy una granata. Liberata Gail, Dwight lancia la testa e la fa esplodere. Inoltre le ragazze della città vecchia sono appostate sui tetti e aprono il fuoco su Manute e i suoi aiutanti, uccidendoli tutti. Nell’estasi del massacro, Gail bacia appassionatamente Dwight, mentre Becky riesce a fuggire.

Quel bastardo giallo (parte 2)
Hartigan si risveglia in un letto di ospedale. Nella stanza è presente il padre di Roark Junior, un potente politico che vuole vendicarsi per quello che ha fatto al figlio che è in coma e in bilico tra la vita e la morte. Lo informa che lo incastrerà mettendolo sotto processo con l’accusa di aver violentato Nancy e facendolo finire in carcere. Se lo dirà a qualcuno, verranno fatti uccidere tutti coloro che sapranno la verità. Hartigan accetta e finisce in prigione, senza confessare nulla poiché è l’unico modo per proteggere Nancy. Lei gli scrive settimanalmente una lettera, grata per tutto quello che sta facendo per lei. Dopo otto anni, improvvisamente non riceve alcuna lettera e Hartigan si preoccupa per la sua incolumità, soprattutto quando riceve una busta con un dito mozzato. Per poter uscire dalla prigione, confessa tutti i crimini. Incontra il suo vecchio partner, Bob, che lo accompagna in città e lo informa che la moglie di Hartigan si è risposata e ha avuto due figli. Senza accorgersi che viene pedinato da un uomo deforme e con la pelle gialla, Hartigan cerca Nancy, ora diciannovenne, trovandola infine al Kadie’s Bar, dove lavora come spogliarellista. Capisce immediatamente che non le hanno mozzato un dito, quindi la busta era una bluff, sapendo che Hartigan li avrebbe condotti a lei. Hartigan fugge con Nancy in macchina, ma vengono seguiti dall’uomo con la pelle gialla. Dopo uno scontro a fuoco, riescono a raggiungere un Hotel. Nancy confessa ad Hartigan di essere innamorata di lui. L’uomo giallo, che li ha raggiunti li attacca nuovamente, rivelando che è Roark Junior. Egli è stato deformato negli anni da tutti gli interventi chirurgici necessari per rigenerare e riportare alla funzionalità gli organi sessuali del suo corpo. Riesce a rapire Nancy e portarla alla fattoria Roark. Legato e immobilizzato, Hartigan raccomanda a Nancy di non urlare mai per il dolore, qualsiasi tortura Roark dovesse praticargli, poichè, solo sentendo urlare di dolore e paura le sue vittime, egli riesce ad eccitarsi. Alla fattoria Roark, il terrificante uomo giallo tortura, con frustate sulla schiena, la povera Nancy, nel tentativo di farla urlare. La giovane resiste coraggiosamente, dando il tempo ad Hartigan, nel frattempo liberatosi e messosi sulle tracce di Roark Junior, di riuscire a raggiungerli ed uccidere definitavamente il suo avversario. Hartigan racconta a Nancy il piano del senatore Roark di corrompere la polizia per convincerla ad allontanarsi da lei. Dopo la sua partenza, Hartigan, sapendo che Roark continuerà a dargli la caccia, si suicida per assicurarsi della salvezza di Nancy una volta per tutte. Poco prima di spararsi alla testa pensa che mentre un vecchio uomo muore, una giovane donna vive.

Epilogo
Becky, ferita, lascia l’ospedale, parlando al cellulare con la madre. Mentre è in ascensore, lei incontra il ragazzo visto nel prologo, che le offre una sigaretta. Capendo chi è, dice alla madre di amarla e termina la conversazione.

Come accennavamo in apertura, il film è tratto dal celebre fumetto Sin City di Frank Miller per la Dark Horse Comics.

Nella versione se cartacea, la prima storia apparve originariamente sulle pagine di Dark Horse Presents, la rivista-contenitore della Dark Horse Comics, nei numeri n.51-62 e nell’albo speciale “5th Anniversary Special” (aprile 1991-giugno 1992), con il semplice titolo di Sin City, serializzato in tredici parti. Dato l’immediato successo, il racconto è stato rapidamente ristampato in una veste adeguata, nel gennaio 1993, con il titolo Sin City – The Hard Goodbye.

Al primo episodio, che ha riscosso da subito un notevole successo, hanno fatto seguito diverse altre storie di lunghezza variabile. Dal 1993 al 2000 si contano infatti almeno quattro miniserie (poi raccolte in volumi), una graphic novel, e numerosi racconti brevi (anch’essi raccolti in volume).

Le avventure di Sin City, in Italia, hanno avuto una vita editoriale travagliata, essendo state stampate più volte, negli anni, da numerose case editrici tra cui: Star Comics, Comic Art, Play Press, Lexy Editore e infine Magic Press.

La prima apparizione in Italia, la si deve alla Star Comics. Nel mensile Hyperion, dal novembre 1992 al maggio 1993, propose il primo racconto (The Hard Goodbye), che poi raccoglierà in un volume, includendo anche 18 tavole inedite.

La Magic Press di Roma, a fine degli anni novanta, ha pubblicato una ristampa organica e completa dell’opera di Miller, suddivisa in sette volumi; a questi si aggiunge un ottavo volume speciale L’arte di Sin City (The Art of Sin City), uno speciale albo di illustrazioni.

Sin City ebbe molo successo in tutto il mondo e questo ha fatto si che uscisse senza nel circuito Home Video nostrano con diverse edizioni. Le prime due furono le classiche versioni DVD e Blu Ray, dopo qualche anno è stata la volta del cofanetto che riproponeva entrambi i formati in un’unica soluzione per poi passare all’edizione UNRATED della pellicola proposta sia in DVD che in Blu Ray. L’ultima proposta Home Video prevede il cofanetto Blu Ray che presenta sia la versione RATED che la Versione UNRATED, rivelandosi la più interessante delle edizioni Home Video.

Anche per questa settimana abbiamo esaurito lo spazio a nostra disposizione ma, come di consueto, la nostra rubrica sui live action tratti dai fumetti o dall’animazione, tornerà puntualmente la settimana prossima con un’altra interessante puntata quindi, se volete rimanere aggiornati, continuate a seguirci.

Stay Tuned!!!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>