Catwoman

¤ [Speciale Live Action] Catwoman (2004)

Questa settimana, per il nostro consueto appuntamento dedicato ai live action tratti da fumetti ed animazione, vi parleremo di una trasposizione in live action. Si tratta di una produzione Americana realizzata nel 2004 ed il cui titolo è Catwoman.


Catwoman è un film del 2004 diretto da Pitof, un regista, sceneggiatore ed effettista francese. Nel 2001 con il film Vidocq – La maschera senza volto si cimenta come regista e sceneggiatore, tornando in seguito a dirigere nel 2004 il film Catwoman e nel 2008 Fire & Ice – Le cronache del drago. In due pellicole francesi si è anche occupato del montaggio. Riceve una candidatura ai Saturn Award per i migliori effetti speciali del 1998 per il film Alien – La clonazione (Alien Resurrection). 

Il cast della pellicola è composto da: Halle Berry, Sharon Stone, Benjamin Bratt, Lambert Wilson, Frances Conroy, Alex Borstein, Michael Massee, Byron Mann, Kim Smith, Christopher Heyerdahl, Peter Wingfield, Berend McKenzie.

Patience Phillips è una donna come molte altre dal carattere introverso e remissivo che lavora come disegnatrice di bozzetti per un’azienda di cosmetici. Viene incaricata di disegnare la sua prima campagna grafica per il lancio di un’innovativa crema di bellezza, la Beau-line. Costretta dal disguido di un corriere a recarsi una sera dal suo capo George Hedare ai laboratori della ditta per la consegna del progetto, viene a sapere grazie a un colloquio tra un certo Slavinsky e lo stesso Hedare, che la crema miracolosa in realtà, se non presa regolarmente, distrugge la pelle e può provocare anche la morte. Terrorizzata dalla scoperta, decide di scappare per rendere pubblica la truffa, ma viene intercettata da due sentinelle a cui viene dato l’ordine di ucciderla. Cercando di scappare dai condotti di scarico dello stabilimento, annega quando le guardie ne azionano lo scarico.

     

Patience è morta, ma il gatto dai poteri magici Midnight, che si aggirava nei dintorni della sua abitazione già nei giorni precedenti, le ridona la vita e assieme a essa agilità, forza e resistenza soprannaturali insieme a un carattere felino.

Risvegliatasi, Patience non si accorge subito del cambiamento, ma le sovviene il ricordo del gatto che alita su di lei per risvegliarla. Scopre così dalla signora dove Midnight vive, la professoressa Ophelia Powers, che nel corso dei secoli il gatto ha scelto alcune donne meritevoli del suo dono a cui, essendo predestinate alla morte, ridona la vita e dei poteri felini, trasformandole in Donne-Gatto. Cosciente dei suoi nuovi poteri, è decisa a vendicarsi dei suoi assassini.

La nuova Patience è divenuta più risoluta e, cambiato look, mette alla prova le sue abilità introducendosi in una gioielleria nel corso di una rapina: sgominata la banda di ladri, i quali per primi riferiranno ai media della donna gatto, si impossessa dei beni per poi restituirli in un momento di lucidità salvo una collana di diamanti con le cui pietre fabbrica degli artigli da felino. Sulla rapina indaga il detective Tom Lone, che aveva conosciuto Patience alcuni giorni prima chiedendole un appuntamento. Insospettito da alcuni comportamenti della ragazza e da alcune strane coincidenze, inizia a sospettare che la donna gatto di cui tanto si parla sia proprio lei.

Nel frattempo Laurel Hedare, moglie di George, uccide Slavinsky che sapeva della sua dipendenza alla crema malefica e il marito per averla sempre sminuita e per le attenzioni che rivolge alla nuova testimonial della casa di bellezza facendo ricadere la colpa sulla donna gatto, attirata con l’inganno sul luogo del delitto. In realtà è proprio Laurel a conoscere la verità ed è intenzionata a mettere la crema sul mercato: nel duello finale tra Catwoman e Laurel la seconda ha la peggio, precipitando dal grattacielo sede dell’azienda.

Patience, arrestata la sera precedente da Tom e liberatasi segretamente dalla cella per combattere con Laurel, rientra in essa per avere un alibi grazie allo stesso Tom, che però abbandona preferendo una vita senza legami di alcun tipo.

Catwoman è, senza mezzi termini, un disastro sotto più o meno tutti i punti di vista: a livello attoriale, con l’unica eccezione della divina ed autoironica Sharon Stone, nella parte della cattiva di turno, novella Crudelia Demon, nonché splendida quarantenne, siamo allo zero minimo assoluto. Halle Berry, sovraesposta mediaticamente da quasi un semestre, manco avesse interpretato una novella Rossella O’Hara, ci mette abbondantemente del suo nel far rimpiangere amaramente l’eccelsa e regale Michelle Pfeiffer di burtoniana memoria e comincia a instillare dubbi anche nel suo più accanito fan, sulla sua reale capacità di recitare (peraltro, premiata con un Oscar pochi anni fa). C’è anche Benjamin Bratt, vero marchio di garanzia per le produzioni sfigate e autentica mummia dall’espressione monocorde e statica. Non ci siamo nemmeno sul fronte effetti speciali: preistorici, dato l’anno di produzione del film, con animazioni incredibilmente slegate, ed assolutamente poco credibili, che fanno rimpiangere persino la precedente opera di Pitof, Vidocq. Pitof stesso si dimostra regista ben poco originale, e nonostante il personaggio trattato garantisca un plus di bizzarro che avrebbe potuto e dovuto essere sfruttato molto meglio, allestisce una storia ed una messa in scena piatta e banale, attingendo a piene mani da tutti i cliché del genere. Atroce il montaggio, mero mezzo per coprire la aberrante pochezza dei combattimenti, che in potenza avrebbero dovuto essere il fulcro del film ma che, all’atto pratico, si dimostrano brevi e noiosi.

L'”elogio” del film potrebbe continuare ad infinitum, ma infierire sarebbe prosaico ed inutile, del resto se nemmeno il pubblico americano c’è cascato, perché dovremmo farci irretire noi?

La pellicola è arrivata anche in Italia, prima attraverso le sale cinematografiche per approdare l’anno seguente in Home Video con la sola ed unica edizione disponibile in formato DVD singolo disco. Visto il clamoroso fiasco mondiale (che ha anche appannato la carriera di Halle Berry), dubitiamo che la pellicola possa essere resa disponibile in formato Blu Ray, almeno nel breve/medio periodo.

Anche per questa settimana abbiamo esaurito lo spazio a nostra disposizione ma, come di consueto, la nostra rubrica sui live action tratti dai fumetti o dall’animazione, tornerà puntualmente la settimana prossima con un’altra interessante puntata quindi, se volete rimanere aggiornati, continuate a seguirci.

Stay Tuned!!!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>