Blade: Trinity

¤ [Speciale Live Action] Blade: Trinity (2004)

Questa settimana, per il nostro consueto appuntamento dedicato ai live action tratti da fumetti ed animazione, vi parleremo di una trasposizione in live action. Si tratta di una produzione Americana realizzata nel 2004 ed il cui titolo è Blade: Trinity.


Blade: Trinity è un film del 2004 scritto, co-prodotto e diretto da David S. Goyer ed ispirato all’omonimo personaggio dei fumetti della Marvel Comics Blade, apparso per la prima volta nella serie The Tomb of Dracula; un numero di questo fumetto appare anche nella pellicola. Il film è il terzo e ultimo capitolo della serie cinematografica dedicata al supereroe, iniziata nel 1998 con Blade e continuata nel 2002 con Blade II, ed è l’unico ad avere il logo della Marvel ad inizio pellicola.

Il cast della pellicola è composto da: Wesley Snipes, Kris Kristofferson, Dominic Purcell, Jessica Biel, Ryan Reynolds, Parker Posey, Mark Berry, John Michael Higgins, Triple H.

I vampiri riescono ad incastrare Blade (nome di battaglia del loro più temibile cacciatore), incolpandolo della morte di un umano (un “familiare” travestito da vampiro), uccisione avvenuta al termine di un inseguimento automobilistico. Blade, ripreso dalla televisione e ricercato dall’FBI, viene scovato nel suo rifugio. Il suo mentore e amico, Abraham Whistler, fa allora esplodere tutto l’edificio, sacrificando se stesso per proteggere i segreti e la vera identità di Blade (il cui nome è Eric Brooks, nato da donna morsa in gravidanza, mezzo vampiro, soprannominato il “Diurno” per la sua capacità di resistere alla luce solare).

     

Dopo esser stato catturato dalla polizia corrotta che lo lascia alla mercé dei vampiri, Blade è aiutato a scappare da un gruppo di umani cacciatori di “non morti”, i Nightstalkers (cellula dotata di armi tecnologicamente avanzate che fa parte di una più ampia organizzazione per la lotta contro la minaccia vampiresca), capitanati da Hannibal King e Abigail Whistler, figlia illegittima di Abraham. Il gruppo, di cui fa parte anche una biologa cieca di nome Sommerfield, chiede ed ottiene l’aiuto di Blade contro Danica Talos, una potente leader dei vampiri, che è riuscita nell’intento di trovare e risvegliare dalle profondità di un’antichissima ziqqurat in Iraq il progenitore della loro specie, Dracula (o Drake). Talos spera così di poter finalmente liberarsi dell’odiato “Diurno” e, magari, di trovare il modo attraverso Drake di far sì che tutti i vampiri diventino diurni. Drake, però, non prova che disprezzo per Danica e gli altri che lo hanno risvegliato, anche perché fu lui stesso a decidere di addormentarsi, per ritirarsi da un mondo che ormai l’aveva disgustato.

I Nightstalkers informano Blade di Drake e gli spiegano che, invece di vederla come una disgrazia, hanno la possibilità di sfruttare l’arrivo del primo vampiro per sterminare l’intera razza. Attraverso il sangue di Drake, l’unico “puro” in quanto è il primo della sua stirpe, Sommerfield può creare un’arma batteriologica che annienti ogni vampiro esistente, mettendo fine alla guerra in un colpo solo.

Drake decide di incontrare Blade e lo fa di giorno. Drake, infatti, è immune agli effetti della luce solare perché è diverso da ogni altro vampiro, essendo il primo lui è unico nel suo genere, è nato perfetto. Drake prova disgusto per gli umani e anche per i vampiri moderni, ma vuole comunque sconfiggere Blade e lo informa che al prossimo incontro uno dei due morirà. Drake è anche capace di assumere le sembianze di altre persone grazie alla sua struttura ossea particolare.

Blade e Abigail scovano un fabbricato in cui i vampiri, con la complicità delle autorità, usano gli umani come fonte di nutrimento: è una sorta di banca del sangue che raccoglie migliaia di corpi di senzatetto, raccolti per l’America, mantenuti in coma farmacologico, ma morti cerebralmente. Attraverso questo sistema i vampiri possono ottenere una copiosa quantità di sangue da vittime tenute in coma a produrre sangue invece di limitarsi a morderle singolarmente e lasciarle morire sprecando tutto il potenziale sangue che potrebbero produrre per anni. Blade, mosso da pietà, spegne il complesso sistema di macchine che li mantiene in vita.

Drake, intanto, grazie alla propria capacità di assumere le sembianze altrui, si è introdotto nella base del gruppo di Blade e li elimina uno ad uno ad esclusione della figlioletta della biologa e di Hannibal, portandoli al proprio covo per tendere un tranello al “Diurno”. Scoperta la carneficina, Blade e Abigail si preparano alla vendetta, portando con sé un prototipo di virus (creato dalla biologa): tale morbo non potrà essere potente come quello che Sommerfield avrebbe potuto creare prendendo il sangue di Drake e sfruttandolo per liberare l’umanità dalla razza dei vampiri, contaminando il loro progenitore Drake/Dracula, ma potrà avere comunque un ampio effetto nell’intera zona che circonda quest’ultimo, eliminando quindi tutti i vampiri che lavorano per Danica che sono alleati di Drake.

Mentre Danica Talos tortura Hannibal e Drake tiene con sé la bambina, per nulla spaventata dal vampiro, Blade e Abigail fanno irruzione nel palazzo dell’organizzazione di Talos, liberano il loro compagno e mettono al sicuro la bambina, sgombrando il campo dai gregari per giungere allo scontro finale con Dracula e questi attende Blade. I due ingaggiano un duello a colpi di katana.

Il Diurno dimostra abilità di spadaccino di gran lunga superiore a quelle di Drake mettendolo in seria difficoltà, a quel punto, però, egli si trasforma in un demone rosso dall’enorme forza, presumibilmente la sua vera forma, e mette in difficoltà Blade che è sul punto di soccombere: Abigail, fissata sulla punta di una freccia un’ampolla contenente il virus letale per i vampiri, la scocca contro Drake, che la blocca, ma Abigail scocca un’altra freccia colpendo Drake alla schiena e allora in quel momento Blade raccoglie la freccia contenente il virus e la conficca nel costato di Drake. Attraverso l’aria, il virus si diffonde rapidamente nel covo dei vampiri e risulta efficace: i vampiri sopravvissuti a Blade ed Abigail periscono assieme a Drake, il quale prima che possa morire dice a Blade che lui è l’unico vampiro degno di rappresentare la sua razza, informandolo che presto o tardi la sete avrà la meglio anche su di lui e che accetterà la sua natura di vampiro. La polizia porta il corpo di Blade all’obitorio, ma durante l’autopsia questo si rivela essere in realtà il corpo di Drake, che ne aveva preso le sembianze regalandogli la salvezza (nella versione non censurata si risveglia e mette fuori gioco tutti i presenti, compresi infermieri e poliziotti; dopodiché scappa).

La pellicola termina con Blade nell’atto di riprendere la caccia ai non morti sulla sua moto. Dopo i titoli di coda è presente una breve sequenza che vede Blade a bordo della sua auto.

Come accennavamo in apertura, Blade, il cui vero nome è Eric Brooks, è un personaggio dei fumetti creato da Marv Wolfman (testi) e Gene Colan (disegni) nel 1973. Apparso originariamente come comprimario nella serie The Tomb of Dracula, in seguito si è guadagnato diverse serie da protagonista.
In Italia il Dracula della Marvel fu pubblicato negli anni ’70 dall’Editrice Corno sugli “Albi dei Super-Eroi” e quindi su “Il Corriere della Paura” prima e “Dracula” poi, fino al 1980. La Star Comics riprese la pubblicazione del materiale USA (1991) con due albi giganti in b/n e una miniserie a colori.

Eric Brooks nasce a Soho, in Gran Bretagna. Proprio lui nel fumetto rende nota la sua data di nascita: 24 Ottobre 1929. Malgrado questo dimostra una trentina d’anni perché i suoi poteri da vampiro lo mantengono molto più giovane.

Come molti altri giustizieri e vigilanti “dark”, Blade ha alle spalle un dramma personale che ne ha condizionato l’intera esistenza: sua madre, Tara Brooks, una prostituta, venne morsa dal vampiro Diacono Frost prima di darlo alla luce; Blade, scoperta la verità, intraprende una guerra personale contro le creature della notte destinata a concludersi solo quando l’ultimo succhia sangue non sarà stato cancellato dalla faccia della terra…

Sfogliando “Tomb of Dracula” ci si rende subito conto di come la prima incarnazione “cartacea” di Blade sia molto diversa da quella conosciuta al cinema: il Diurno non è infatti per metà vampiro e per metà umano ma solo un uomo immune al morso dei vampiri, le sue armi sono coltelli, paletti di legno o punteruoli in argento e non spade o sofisticatissime mitragliette e soprattutto affronta sempre i suoi nemici da solo, collaborando solo in rare occasioni con altri cacciatori.

Con il passare degli anni (e grazie al ritorno dei vampiri nell’universo Marvel dopo il grande buio degli anni 80…) Blade si è “modernizzato” adeguandosi ai nuovi standard fumettistici ed è tornato alla ribalta con la testata “Nightstalkers”, in cui le nuove generazioni di lettori lo hanno apprezzato a fianco di Hannibal King e Frank Drake nella lotta contro orde di demoni, vampiri, licantropi e tante altre mostruose creature.

La nuova serie di Blade, ad opera di Marc Guggenheim e Howard Chaykin, vede il personaggio interagire con numerosi supereroi Marvel, grazie anche a svariate comparsate in quasi tutte le testate dei supereroi Marvel, dall’Uomo Ragno a Wolverine.

La pellicola è arrivata anche in Italia, prima attraverso le sale cinematografiche per approdare quasi subito in Home Video e per essere ciclicamente riproposto in nei vari formati e nelle varie combinazioni possibili, infatti, di questa pellicola sono disponibili l’edizione estesa DVD su singolo disco uscita nel 2005 e, sempre nello stesso anno, l’edizione estesa DVD su doppio disco, nel 2012 è uscita l’edizione Blu Ray mentre. A queste tre edizioni si devono aggiungere i vari cofanetti contenenti anche i precedenti capitoli della saga.

Anche per questa settimana abbiamo esaurito lo spazio a nostra disposizione ma, come di consueto, la nostra rubrica sui live action tratti dai fumetti o dall’animazione, tornerà puntualmente la settimana prossima con un’altra interessante puntata quindi, se volete rimanere aggiornati, continuate a seguirci.

Stay Tuned!!!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>