Recensione L’ Isola

Dopo il riscontro che abbiamo ottenuto proponendovi la recensione di La Sai a Mammeta? Di Francesca De Martino, quest’oggi vi proponiamo un’altra opera della Round Midnight Edizioni, stiamo parlando di L’ Isola di Fabio Visintin ed inserita nella collana Big Mama.

Quello che stiamo per presentarvi non è il solito fumetto italiano, infatti, si tratta di un’opera liberamente tratta ed ispirata da La Tempesta di William Shakespeare. Sebbene sia, come viene specificato anche nel volume stesso, “liberamente” ispirata all’opera Shakespeariana e quindi non una fedele trasposizione, quest’opera ha il non trascurabile merito di avvicinare i lettori più disparati, ad una delle opere più iconiche di quello che potremmo definire, senza paura d’essere smentiti, come il più grande drammaturgo e poeta che l’umanità abbia mai avuto, magari incuriosendoli e spingendoli a cercare e leggere le opere originali di Shakespeare.

Sono pochissimi i fumetti ispirati e/o tratti dalle opere di William Shakespeare, si possono contare sulle dita di una mano (ed avanzano pure dita n.d.r.) ed è un piacere ed un orgoglio poter parlare di questo fumetto tutto italiano e per poterlo presentare al migliore dei modi ci sembra una buona idea utilizzare la presentazione fatta dallo stesso autore:

Jan Kott nel suo saggio su Shakespeare descrive così il momento in cui maturò la stesura del dramma: «Il mondo contemporaneo era ripugnante, quello futuro si delineava a tinte ancor più fosche. I grandi sogni di felicità degli umanisti non solo non si erano avverati, ma si erano rivelati pura fantasia. Rimanevano l’amara coscienza delle illusioni perdute.

Il nuovo dominio del denaro rendeva ancora più crudele l’antico dominio feudale. La realtà erano la guerra, la fame, le epidemie, il terrore instaurato dai sovrani e il terrore instaurato dalla chiesa. In Inghilterra regnava crudelmente Elisabetta,

l’Italia era stata ceduta agli Spagnoli, Giordano Bruno, consegnato all’inquisizione era stato bruciato a Campo dei Fiori.

La storia che leggerete non è una trasposizione letterale del testo, ma piuttosto una sua lettura critica, non ne riporta la vicenda, molti personaggi sono assenti, ma credo che lo spirito della rappresentazione Shakespeariana e le sue tematiche siano molto fedeli anche nella diversità della rappresentazione.

Il Teatro non può cambiare il mondo. Figurarsi il mio fumetto.

Se il romanzo grafico di Visintin si pone come un’interpretazione libera ed alternativa de La Tempesta shakespeariana, non è attraverso le riproposizione della trama che ciò avviene. Il dramma è fatto di altri testi, il racconto di altri racconti ed alla base di entrambi sono le parole e la loro enorme forza evocatrice, e dall’altra, nel graphic novel, c’è il segno e il graffio, a toccarci dentro mentre siamo distratti dalle parole, infatti, a rappresentare i testi presenti in questo volume, vi sono le stupende illustrazioni di Visintin e, contrariamente a quanto ci si aspetterebbe in un’opera di questo tipo, le tavole ci vengono proposte in un suggestivo Bianco e Nero che dà, se possibile, maggiore forza ed incisività all’opera stessa, rivelandosi quel valore aggiunto che meglio fa apprezzare l’opera nella sua totalità.

Ancora una volta la Round Midnight Edizioni ha dimostrato d’avere un ottimo fiuto sia nella scelta delle opere che nella scelta degli autori e la scelta di pubblicare un’opera di Fabio Visintin, che ci sembra molto azzeccata, dimostra come una casa così giovane abbia comunque i mezzi, l’intuito e la lungimiranza di proporre ai propri lettori l’opera di un illustratore di grande esperienza come Visintin che ha al suo attivo pubblicazioni sul prestigioso Linus, su Tempi Supplementari, Frigidaire ed ha realizzato libri per l’editore Ottaviano, riscuotendo sempre ottimi consensi sia di pubblico che di critica, cosa che sta avvenendo anche con quest’ultima sua fatica lavorativa.

Vogliamo quindi concludere questa nostra recensione ringraziando la Round Midnight Edizioni per il lavoro svolto fino ad ora e pregandola di continuare su questa strada proponendoci sempre nuove perle come ha fatto fino ad ora e consigliando a tutti voi di tenere sempre in considerazione le nuove uscite di questa giovane casa editrice che, indubbiamente, ha ancora molte frecce al suo arco.

 

VISINTIN_COPERTINA ALETTE

recensione-l-isola-02

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>