Isao Takahata

Lutto nel mondo dell’animazione giapponese, ci lascia Isao Takahata

Lo scorso giovedì si è spento, all’età di 82 anni, Isao Takahata famoso regista giapponese di film di animazione e cofondatore, assieme a Hayao Miyazaki, dello Studio Ghibli.


Il regista aveva problemi cardiaci che lo costringevano a entrare e uscire dall’0spedale di Tokyo a partire dalla scorsa estate.

Takahata, che in Giappone era celebre quanto Miyazaki, era nato nella Prefettura di Mie, nella regione di Kansai, sull’isola Honshu, il 29 ottobre 1935. A soli 23 anni, nel 1959, dopo la laurea a Tokyo in letteratura francese e il crescente interesse nell’arte cinematografica vince un concorso ed entra a far parte, come allievo regista, della Toei Animation Co., Ltd., il famosissimo studio di animazione di proprietà della Toei Company. È in quel periodo che incontra Hayao Miyazaki, con il quale nel 1985 fonderà lo Studio Ghibli, indiscutibilmente il più rispettato e importante studi di animazione del Sol Levante. Il loro sodalizio rimase intatto fino al giorno della sua morte.

Durante la sua lunga carriera, Takahata aveva lavorato sia come regista che come produttore e direttore artistico. Una tomba per le lucciole, uscito nel 1988, è considerato il suo film più bello e importante. Racconta la storia di un ragazzo e di sua sorella minore che rimangono orfani durante il bombardamento americano sulla città di Kobe, nel 1945, e cercano insieme di sopravvivere durante gli ultimi mesi della guerra. La storia della principessa splendente, presentato al Festival di Cannes nel 2013, valse a Takahata una nomination al premio Oscar per il Miglior film di animazione l’anno successivo. Il film – l’ultimo lavoro di Takahata – racconta di una strana creatura magica che viene trovata da un tagliatore di bambù dentro una canna di bambù. La creatura cresce diventando una bellissima ragazza, portando grandi ricchezze alla sua famiglia, ma presto confessa di essere un’abitante della Luna e di doverci tornare, suo malgrado.

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>