È quasi ufficiale, la Panini Pubblicherà Topolino

Ve ne avevamo già parlato qualche mese fa in questo nostro articolo, oggi torniamo a parlarne perché adesso da semplice pettegolezzo, la notizia è diventata un rumours in attesa dell’ufficializzazione.

Sarebbe stato, infatti, raggiunto un accordo preliminare della storica casa editrice delle figurine per rilevare la divisione periodici della Disney (Disney Publishing), che pubblica Topolino e altre riviste per bambini come Bambi, Winnie the Pooh e Witch. Si parla di una licenza di sei anni e il trasferimento da Milano a Modena dei dipendenti, già in sciopero ed è proprio a loro che si deve la quasi ufficialità della notizia, infatti, secondo quanto si apprende dai sindacati, l’operazione interesserebbe 22 dipendenti della Disney Publishing, metà dei quali giornalisti e metà poligrafici, pari a circa un decimo del totale della Disney Italia.

I sindacati hanno avuto alcuni incontri con la Disney a partire dallo scorso 17 giugno e un incontro con il capo del personale della Panini lo scorso 26 luglio, che avrebbe confermato l’intenzione di trasferire i dipendenti da Milano a Modena, quindi questo dovrebbe essere più che sufficiente per togliere ogni ombra di dubbio sull’ufficialità dell’operazione.

Se confermato, questo sarebbe il quarto cambio di residenza per Topolino, nato a Firenze nel 1932: l’editore Giuseppe Nerbini anticipò di un mese la stessa Disney, poi il topastro più famoso del mondo divenne milanese passando alla Mondadori, che inaugurò un sodalizio con la casa madre durato fino al 1988. In seguito il passaggio alla Disney Italia, sempre a Milano, e ora a Modena, sede della Panini, la cui storia cinquantennale non è meno avventurosa: il primo album Calciatori uscì nel 1961, e proprio nel 1988 ai fratelli Panini subentrò il gruppo Maxwell. Nel 1992 l’album con i volti più ricercati e barattati della storia furono rilevati dalla cordata Bain Cuneo-De Agostini, che li cedette nel 1994 al gruppo Marvel. Dal 1999 Panini è di nuovo italiana (sotto il controllo della Fineldo), ed è leader mondiale delle figurine da collezione nonché quarto editore europeo per ragazzi. In Italia pubblica le strisce degli eroi Marvel, arrivati dalle nostre parti negli anni Sessanta, mentre curiosamente in America la Disney ha acquistato – pagandoli salati – i diritti della Marvel Comics. Sembra che almeno nel campo del Fumetto l’Italia la faccia da padrona.

Al momento sia la Disney che la Panini non confermano e non smentiscono nulla, quindi non siamo in grado di fornirvi altre informazioni in proposito ma, come di consueto, continueremo a seguire da vicino la vicenda e, non appena vi saranno altri ed ulteriori sviluppi, non mancheremo di tenervi aggiornati, quindi continuate a seguirci.

Stay Tuned!!!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>