Un fumetto per Lazzaroni

Lazzaroni è il marchio con il quale vengono commercializzati i biscotti da forno (da pasticceria e da colazione) oggi prodotti dalla D. Lazzaroni & C. Spa., ed è anche il nome con il quale è tradizionalmente conosciuta l’azienda stessa.

Lazzaroni è una ditta storica dell’industria dolciaria italiana, produttrice fra l’altro degli Amaretti di Saronno. La Lazzaroni, prima tra le imprese italiane ad industrializzare la produzione di biscotti, ha iniziato la commercializzazione dei biscotti con l’omonimo marchio a partire dal 1888, anche se la prima attività imprenditoriale risale agli inizi del ‘700.

Ora vi starete chiedendo perplessi cosa abbia a che fare questa casa dolciaria con un sito che abitualmente parla di fumetti, la risposta è semplice.  La lazzaroni è stata promotrice di una singolare ed interessante operazione denominata “Sweet Comics”  che altro non è che il primo concorso dedicato ai dolci nei fumetti, con la collaborazione della Scuola Del Fumetto di Milano.

La manifestazione nasce dal desiderio dell’azienda di Lainate di avvicinare una forma artistica, giovane, accessibile e di facile interpretazione come il fumetto, al mondo elitario e di nicchia dei biscotti di pasticceria. A settembre, oltre 50 studenti sono stati coinvolti da Lazzaroni nella realizzazione di un fumetto liberamente ispirato alla storia dell’azienda o ai suoi prodotti. Tra le opere realizzate, Lazzaroni ha selezionato le 10 migliori da esporre durante la mostra, ma solo una sarà scelta per apparire su un’esclusivissima latta Lazzaroni “Limited Edition Sweet Comics” prodotta in soli 2012 pezzi che, come avviene già per tutte le altre latte utilizzate per confezionare i biscotti, sarà sicuramente oggetto di culto e collezionismo.

Come sarà scelto il fumetto vincitore? I visitatori della mostra potranno votare sulla pagina Facebook di Lazzaroni dove, in una “galleria d’arte virtuale”, si potranno visionare tutte le opere esposte e, proprio come se si fosse all’interno del museo, votare il proprio comics preferito. Il 31 marzo 2012 sarà premiato il fumetto che avrà ottenuto più voti, tra quelli ottenuti su Facebook e quelli della mostra che si è svolta a Milano durante le festività natalizie.

Inoltre un premio speciale sarà assegnato tra chi avrà votato su Facebook: Lazzaroni estrarrà a sorte un fortunato che si aggiudicherà una ricca fornitura di prodotti Lazzaroni.

«Vogliamo avvicinare il mondo tradizionale delle latte di pasticceria assortita e la cultura artistica dei giovani contemporanei – afferma Roberto Gusmaroli, Direttore Generale Lazzaroni -. Crediamo di esserci riusciti in pieno, sia con le nuovissime latte “Comics”, colorate e moderne, lanciate da poco, che con l’iniziativa “Sweet Comics”, coinvolgendo giovani artisti di un’arte come quella fumettistica, così importante e sempre attuale».

«Non appena Lazzaroni ha proposto alla Scuola questa iniziativa – racconta Giuseppe Calzolari, Direttore de La Scuola del Fumetto di Milano – ho deciso immediatamente di partecipare. Finalmente una storica azienda, conosciuta da anni in tutto il mondo, proponeva un’iniziativa intelligente che dava la possibilità agli studenti della Scuola di partecipare e ciò mi ha fatto capire che la Lazzaroni è una società attenta all’evolversi della propria immagine in una società contemporanea in continua evoluzione».

I disegni finalisti sono di:

– Francesco Trivella “I Piccoli Grandi”: Catania
– Caterina Scaramellini “Briciole di bontà
– il bambino e il pettirosso”: Chiavenna (SO)
– Tanita Aceto “Dolci Ricordi”: Como
– Carolina Livio “Il Club dei biscotti”: Capiago Intimiano (CO)
– Fabio De Paolis “Irresistibili”: Lecce
– Andrea Benelle “Lazzaroni ti colora la giornata”: Ilmbiate (MB)
– Lorenzo Premuroso “Sogni”: Vedano al Lambro (MB)
– Paolo Crespi “La forza della passione”: Inveruno (MI)
– Antonio Manzo “Momenti da favola”: Milano – Beatrice Bovo “Pegno di biscotto”: Verona

Tags:  , ,

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>