[Speciale Live Action] Radio Patrol (serie tv 1937)

Torna puntuale come sempre, la nostra rubrica settimanale dedicata al mondo dei live action tratti dai fumetti e dall’animazione. Questa settimana vi parleremo di una serie tv del 1937 dal titolo Radio Patrol ispirata ad un popolare comic del 1934 disegnato da Charles Schmidt, su testi di Eddie Sullivan.

Il telefilm, come tutti gli ultimi titoli che vi abbiamo mostrato ultimamente,  è di nazionalità americana ed è composto da 12 episodi e la regia è firmata a quattro mani da Ford Beebe e Clifford Smith.

Il cast della serie è composto da Grant Withers nei panni di Officer Pat O’Hara, Kay Hughes che interpreta Molly Selkirk, Mickey Rentschler nel ruolo di Pinky Adams, Adrian Morris calato nei panni di Officer Sam, Gordon Hart che interpreta W.H. Harrison, Frank Lackteen che impersona Mr. Tahata, Harry Davenport nel ruolo di John P. Adams, Wheeler Oakman che interpreta Stevens, Max Hoffman Jr. nel ruolo di Harry Selkirk, Jack Mulhall che impersona Desk Sergeant, C. Montague Shaw nei panni di Mr. Wellington.

La trama è abbastanza fedele alle storie originali del fumetto ed infatti nella serie troviamo una banda di gangster che uccide l’inventore di un nuovissimo acciaio flessibile a prova di bomba, e poi tenta di adottarne il figlioletto Pinky, mirando ad impadronirsi attraverso l’erede della formula rivoluzionaria. Ma il ragazzino fiuta il tranello e invece di collaborare, agevola le indagini della polizia metropolitana permettendo all’agente Pat O’Hara – e al fedele cane poliziotto “Irish” – di catturare il capo dell’organizzazione: il ricco Mister Wellington, insospettabile proprietario di una acciaieria.

Come accennavamo in apertura il serial è ispirato ad un popolare comic del 1934 disegnato da Charles Schmidt, su testi di Eddie Sullivan, che racconta le imprese dei nuovi corpi motorizzati di polizia urbana impiegati, a bordo di macchine fornite di radiotrasmittenti, in una nuova strategia contro il crimine organizzato.

Gli autori del serial sfruttano l’interesse che la “radiopattuglia” aveva suscitato nell’immaginazione collettiva (già nel 1935 il cinema aveva affidato a James Cagney il compito di celebrarne l’eroismo nella Pattuglia dei senza nome), ma l’avventura che costruiscono non va oltre la consueta e prevedibile inchiesta sull’invenzione rubata, con frequente ricorso alle collaudate situazioni del gangster-movie.

Secondo alcuni, il momento più interessante e trasgressivo – e suggerito forse senza intenzione – è lo smascheramento del criminale che getta implicitamente un’ombra di sospetto sul mondo della grande industria e sugli ambienti dell’alta finanza americana.

Purtroppo la serie non è mai giunta in Italia, quindi chiunque fosse interessato a questo prodotto, dovrà necessariamente ripiegare sulle risorse della rete per reperire o un’edizione DVD da uno dei tanto Store On Line specializzati nella vendita di questo tipo di prodotti, oppure sperare di trovare qualche servizio in straming che abbia tutta la serie. Per facilitare una simile ricerca, mettiamo a disposizione dei nostri lettori l’elenco degli episodi dell’intera serie

Titoli degli episodi:
1) A million dollar murder
2) The hypnotic eye
3) Flaming death
4) The human clue
5) The flash of doom
6) The house of terror
7) Claws of steel
8) The perfect crime
9) Plaything of disaster
10) A bargain with death
11) The hidden menace
12) They get their man

Come diciamo sempre, arrivati a questo punto delle nostre recensioni, ne sconsigliamo la visiona a tutte quelle persone che non possiedono la giusta apertura mentale per poter apprezzare un simile prodotto.

Purtroppo anche per questa settimana abbiamo esaurito il tempo e lo spazio a nostra disposizione ma, prima di congedarci da voi, vi ricordiamo che la nostra rubrica dedicata al mondo dei live action tratti dai fumetti e dall’animazione tornerà, puntualmente come sempre, la prossima settimana con un’altra imperdibile puntata quindi, se volete rimanere aggiornati, continuate a seguirci.

Stay Tuned!!!


Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>