La Leggenda degli Uomini Straordinari

¤ [Speciale Live Action] La Leggenda degli Uomini Straordinari (2003)

Questa settimana, per il nostro consueto appuntamento dedicato ai live action tratti da fumetti ed animazione, vi parleremo di una trasposizione in live action. Si tratta di una produzione Americana realizzata nel 2003 ed il cui titolo è La Leggenda degli Uomini Straordinari.


La leggenda degli uomini straordinari (The League of Extraordinary Gentlemen) è un film del 2003 diretto da Stephen Norrington, liberamente tratto dal fumetto La Lega degli Straordinari Gentlemen, ideato da Alan Moore e Kevin O’Neill per l’etichetta del primo America’s Best Comics.

La sceneggiatura è stata affidata a James Robinson, mentre delle musiche s’è occupato Trevor Jones ed il montaggio è stato eseguito da Paul Rebell. Il film è uscito nelle sale negli USA l’11 luglio 2003, mentre nelle sale italiane il 10 ottobre 2003. Il film segna l’ultima apparizione cinematografica di Sean Connery prima del suo ritiro dalle scene.

Il cast della pellicola è composto da: Sean Connery, Stuart Townsend, Peta Wilson, Shane West, Jason Flemyng, Naseerudin Shah, Richard Roxburgh, David Hemmings, Lena Headey.

     

Nel 1899 una terribile minaccia incombe sull’Inghilterra e sul mondo intero: il Fantasma, un avido e misterioso criminale, intende conquistare il mondo. Questi, senza nessuna pietà, saccheggia Londra e la Germania, inscenando attacchi reciproci per far scoppiare una Guerra mondiale: a Londra fa strage di poliziotti e rapina una banca con un finto panzer tedesco, mentre in Germania un gruppo di uomini travestiti da soldati inglesi rapisce degli scienziati e fa saltare in aria con un lanciarazzi un deposito di dirigibili pieni di idrogeno. Il Servizio Segreto di Sua Maestà, allora, contatta Allan Quatermain, rifugiatosi in Africa per passarvi tranquillamente gli ultimi anni della sua vita. Un attacco ai suoi danni, con la morte di uno dei suoi amici, Nigel, e quella dei locandieri (dilaniati da una bomba piazzata in una borsa appartenente ai soldati del Fantasma), convince Allan ad aderire al progetto e così fa ritorno in patria.

Qui M, l’uomo che l’ha contattato, lo presenta al resto del gruppo che lo accompagnerà nella missione: il Capitano Nemo, che mette a disposizione il Nautilus; Rodney Skinner, che ha rubato la formula del siero dell’invisibilità al suo inventore, e la scienziata Mina Harker. A questi si aggiungeranno l’invulnerabile Dorian Gray e l’agente speciale americano Tom Sawyer, intervenuto in aiuto del gruppo durante un attacco da parte dalle forze del Fantasma in casa di Dorian. Mina rivelerà in quest’occasione la sua reale natura di vampira quando addenterà al collo, dissanguandolo, un uomo del Fantasma che l’aveva immobilizzata.

L’ultimo membro, il Dr. Henry Jekyll, viene catturato dopo un inseguimento per i tetti di Parigi nelle vesti del colossale e fortissimo Mr. Edward Hyde e in seguito, nel Nautilus, convinto a partecipare alla missione in cambio dell’amnistia che il governo inglese gli avrebbe concesso. Il gruppo così formato inizia ad indagare e si dirige verso Venezia, dove sembra che le forze del male dovranno fare la prima mossa. Durante il viaggio però i membri di questa eterogenea squadra iniziano a sospettarsi tra di loro, e in particolare accusano Skinner di essere un traditore. A Venezia le potenze europee si devono trovare per cercare di evitare un conflitto mondiale, e il Fantasma ha intenzione di far fallire i negoziati. Il Fantasma ha infatti già piazzato delle bombe nelle fondamenta della città, che, palazzo dopo palazzo, inizia a crollare. La squadra riesce però a fermare questo effetto domino tramite un’esplosione controllata, e così la distruzione di Venezia viene scongiurata. Allan, così, insegue il Fantasma, che si rivela essere M stesso, che purtroppo fugge. A bordo del Nautilus c’è però un traditore: il vero obiettivo di M è infatti quello di rubare ai componenti della squadra i loro poteri e creare un esercito invincibile. I membri dell’equipaggio inizialmente credono che la spia sia Skinner, misteriosamente scomparso. Questa convinzione viene però smentita quando, per ordine di M, il vero traditore, che si rivela essere Dorian, ucciderà Ismaele, il primo ufficiale del Nautilus, e scapperà con un nautiloide da esplorazione. Diverso tempo dopo, M invia un messaggio audio al gruppo: grazie agli ultrasuoni nascosti nel messaggio stesso, farà esplodere una serie di bombe piazzate nella nave. Quanto detto avviene, il Nautilus subisce molti danni, ma nessuno resta ucciso, grazie a Mr. Hyde, che apre un boccaporto del sommergibile inaccessibile agli altri membri, facendo riemergere il Nautilus che stava affondando. Quando sembra che ormai Dorian ed M non siano più rintracciabili Skinner si mette in contatto con loro: durante il viaggio aveva intuito il tradimento di Dorian ma sapeva anche che non gli avrebbero creduto, quindi era scappato nascondendosi nel nautiloide da esplorazione che il traditore ha usato per scappare, e ora ha raggiunto con lui la fabbrica in cui M sta costruendo il proprio esercito; mediante il codice Morse invierà al Nautilus le coordinate preparandosi ad aspettarli.

In Mongolia Skinner si ricongiunge ai compagni per sconfiggere il nemico, e Allan dividerà il gruppo in più squadre di combattimento prima di giungere all’azione. Mina, per vendicare il tradimento, ucciderà Gray ponendogli davanti il suo ritratto, che raffigura un Dorian sfigurato dal tempo e dalle ferite (l’invulnerabilità di Dorian è dovuta infatti al fatto che è il ritratto, e non lui, a subire invecchiamento e danni fisici) e ridotto a uno scheletro. Una volta mostrato a Dorian, il suo aspetto e quello raffigurato nel ritratto si scambiano: il ritratto torna a mostrare un Dorian giovane e bello, mentre Dorian si trasforma in uno scheletro, che si riduce subito in polvere. Intanto Allan e Tom se la vedranno con M, il cui vero nome è il professor James Moriarty. I due riescono a sconfiggerlo, ma a caro prezzo: Allan Quatermain, infatti, muore pugnalato dal professor Moriarty, che riesce a fuggire, ma Tom, grazie agli insegnamenti di Allan, riesce a uccidere il professore sparandogli alla schiena da grande distanza, vendicando così la morte dell’eroe. La scena finale ci racconta del funerale, in Africa, all’eroe vittoriano. Sono presenti tutti i membri della squadra, abbattuti dalla perdita di un eroe. Come narra la leggenda però, Quatermain è legato strettamente al “Continente Nero”, dato che durante una delle sue avventure uno sciamano gli promise che l’Africa non avrebbe mai permesso la sua morte. Quando tutti si sono allontanati, infatti, uno stregone inizia a danzare accanto alla tomba intonando un canto, scatenando una terribile tempesta, e la terra che copre la tomba comincia a smuoversi lentamente.

Il soggetto e la trama del film sono liberamente ispirati all’omonimo capolavoro fumettistico di Alan Moore e Kevin O’Neill, e dico liberamente perchè, se avrete modo di sfogliarne le pagine, vi salteranno all’occhio le numerose differenze e reinterpretazioni del film.

Nel fumetto per esempio Allan Quatermain è un cocainomane, Rodney Skinner uno stupratore invisibile, Mina Harker non si trasforma mai in vampira…e poi non appaiono Dorian Gray e Tom Sawyer, aggiunti ad hoc nella pellicola cinematografica.

Da molti giudicato solo uno dei tanti sfoghi holliwoodiani di effetti speciali, il film a mio parere risulta invece molto gradevole e originale. Ottima la caratterizzazione dei personaggi che, anche se tolti dal proprio contesto letterario, mantengono la propria romantica componente classica.

Il finale del film diventa un po’ scontato: il passaggio del testimone da Allan Quatermain a Tom Sawyer, dagli eroi del vecchio a quelli del nuovo secolo che sta per cominciare, nonché la scena finale che sembra preannunciare un seguito cinematografico. Per chi non avesse la pazienza di attendere un seguito che difficilmente vedremo, vi informo che è già disponibile la seconda serie a fumetti de Lega degli Uomini Straordinari del duo Alan Moore e Kevin O’Neill.

C’è una curiosità legata al titolo italiano della pellicola. originariamente la traduzione del titolo avrebbe dovuto essere “La Lega degli Uomini Straordinari”, ma per motivi “politici” è stato tradotto in La Leggenda degli Uomini Straordinari.

Come tutti sapranno, La Leggenda degli Uomini Straordinari è arrivato anche in Italia e, grazie al più che discreto successo di pubblico, ha beneficiato di ben quattro edizioni Home Video. Le prime tre edizioni sono del 2003 così suddivise: la prima in DVD Edizione Speciale in doppio disco, la seconda in Blu Ray Disck, la terza in combo pack che prevedeva sia l’edizione DVD che l’edizione Blu Ray della pellicola. Nel 200e è uscita la quarta ed ultima (per il moneto) edizione Home Video della pellicola che è stata riproposta in versione DVD singolo disco.

Anche per questa settimana abbiamo esaurito lo spazio a nostra disposizione ma, come di consueto, la nostra rubrica sui live action tratti dai fumetti o dall’animazione, tornerà puntualmente la settimana prossima con un’altra interessante puntata quindi, se volete rimanere aggiornati, continuate a seguirci.

Stay Tuned!!!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>