¤ [Speciale Live Action] Jungle Moon Men (1955)

Questa settimana, per il nostro consueto appuntamento dedicato ai live action tratti da fumetti ed animazione, torniamo a parlarvi di un nuovo film tratto da un personaggio dei fumetti. La pellicola in questione, intitolata Jungle Moon Men è il quindicesimo lungometraggio di una lunghissima serie di adattamenti in live action tratti dall’opera Jungle Jim di Alex Raymond divenuto famoso per aver creato Flash Gordon. Dicevamo quindicesimo lungometraggio, girato l’anno successivo al quattordicesimo film della lunga saga dedicata al personaggio di Alex Raymond e di cui vi avevamo parlato la scorsa settimana.


Questo quindicesimo film del 1955, vede la regia firmata da Charles S. Gould che, l’anno prima, aveva esordito alla regia con Le avventure di Rin Tin Tin, pellicola che lo ha portato alla ribalta e che gli ha permesso d’approdare alla regia di Jungle Moon Men.

Il cast di Jungle Moon Men è così composto: Johnny Weissmuller che interpreta Johnny Weissmuller, Jean Byron nei panni di Ellen Marsten, Helene Stanton che impersona Oma, William Henry nel ruolo di Bob Prentice, Myron Healey che interpreta Mark Santo, Billy Curtis nei panni di Damu, Michael Granger che impersona Nolimo, Frank Sully nel ruolo di Max, Ben Chapman che interpreta Marro, K.L. Smith nei panni di Link, Ed Hinton che impersona Regan.

Come già avvenuto nelle precedenti pellicole della saga, anche in Jungle Moon Men la trama del film è abbastanza aderente a quella delle strisce di Raymond, infatti, il figlio del capo Nolimo viene catturato da una tribù di pigmei e portato nella terra dei Baku per diventare il gran sacerdote di un antico culto egizio la cui sacerdotessa, Olma, è vissuta per generazioni. Jungle Jim sta facendo da guida ad una graziosa egittologa, Ellen Marsten, che sta facendo della ricerche, quando egli incontra Nolimo e alcuni uomini della sua tribù alla ricerca del figlio. Sulla scena ci sono anche Bob Prentice, attore non invitato nella ricerca, e Santo, una guida inaffidabile. Il figlio del capo, che è fuggito dal tempio, appare all’improvviso inseguito dagli Uomini Luna, ma muore dopo aver consegnato ad Ellen una collana e aver raccontato al padre ciò che è accaduto. I pigmei riescono a scappare, tranne il loro capo che viene fatto prigioniero. In seguito i pigmei ritornano e liberano il loro capo: Bob viene catturato durante la rappresaglia, mentre Jim viene colpito da una freccia e perde conoscenza. Quando rinviene, assieme a Ellen comincia a seguire le tracce dei nemici, ma vengono sviati da Santo e il suo aiutante, che prendono la collana, ma questi a loro volta vengono assaliti dai pigmei che recuperano la collana e distriggono il loro veicolo. Quando due dei suoi uomini si dimostrano timorosi, Santo gli uccide e assieme al suo sottoposto Max seguono Jim e Ellen nel luogo in cui si trova il tempio. Tutti però vengono catturati dai pigmei e quando Santo prova a rubare i diamanti del tempio, il gruppo viene condannato ad essere ucciso dei leoni. Kimba, lo scimpanzé di Jim, riesce a liberarli in tempo, ma Santo e Max vengono uccisi dai leoni. Jim obbliga Oma e seguirli a causa del pericolo dei leoni, ma quando si espone al sole, la sacerdotessa si disintegra divenendo polvere. Nolimo arriva con i suoi guerrieri per vendicare la morte del figlio, ma Jim lo convince che l’unica nemica era Oma, ma ora non esiste più. Gli Arribes e i pigmei possono ora vivere in pace.

Nel fumetto Jim originariamente lavora nella foresta malese, nemico acerrimo di pirati e trafficanti; successivamente le sue avventure si spostano in Mongolia, Birmania e in altre zone dell’Asia. Al suo fianco agisce il servo muto Kulu, malese dal fisico imponente ed esperto lanciatore di coltelli.

A partire dal 1935 le storia di Jim si arricchiscono della presenza della bella Shamgai Lil, un’ex avventuriera abile a raggirare gli indigeni proclamandosi una divinità. La donna si era poi ravveduta una volta smascherata dallo stesso Jim.

Jungle Jim, in Italia meglio noto come Jim della giungla, è apparso per la prima volta nel 1933 come striscia a fumetti. Jim, il cui vero nome è Jim Bradley, è una guida di origine occidentale operante in Asia, con l’hobby dell’investigazione.

Contrariamente a quanto avvenuto per i precedenti capitoli cinematografici della saga di Jungle Jim, Jungle Moon Men arrivò anche nei cinema italiani col titolo La valle degli uomini luna. Pur avendo beneficiato di un’uscita cinematografica italiana e di qualche passaggio televisivo (nel circuito delle reti tv locali), purtroppo non è ancora disponibile un’edizione home video italiana della pellicola quindi, chiunque fosse interessato ad avere una copia del film, o semplicemente volesse vederlo, dovrà necessariamente ripiegare sulle solite risorse che la rete mette a disposizione.

Anche per questa settimana abbiamo esaurito lo spazio a nostra disposizione ma, come di consueto, la nostra rubrica sui live action tratti dai fumetti o dall’animazione, tornerà puntualmente la settimana prossima con un’altra interessante puntata quindi, se volete rimanere aggiornati, continuate a seguirci.

Stay Tuned!!!


Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>