[Speciale Live Action] Hop Harrigan (1946)

Questa settimana, per il nostro consueto appuntamento dedicato ai live action tratti da fumetti ed animazione, festeggiamo la giornata della santa Pasqua proponendovi un nuovo serial tratto da un fumetto e trasposto in live action. Stiamo parlando di Hop Harrigan tratto dall’omonimo fumetto della DC Comics creato dalla matita di Jon Blummer.

Il serial, di produzione americana, è composto da ben 15 episodi e la reggia è firmata da Elmer Clifton, divenuto famoso a livello internazionale per essere stato il regista del film Atom Man vs. Superman nel 1950, inutile dirlo, anche questo tratta dai fumetti della DC Comics.

La serie è interpretata da William Bakewell nei panni di Hop Harrigan, Jennifer Holt nel ruolo di Gail Nolan, Robert ‘Buzz’ Henry che interpreta Jackie Nolan, Sumner Getchell che impersona Tank Tinker, Emmett Vogan nei panni di Arnold, Claire James nel ruolo di Gwen Arnold, John Merton che interpreta Dr. Tobor, Wheeler Oakman che impersona Alex Ballard, Ernie Adams nei panni di Retner, Peter Michael nel ruolo di Mark Craven, Terry Frost che interpreta Barry, Anthony Warde che impersona Edwards, Jackie Moran Fraser, Bobby Stone nei panni di Gray, Jack Buchanon nel ruolo di Deputy Sheriff.

L’asso dell’aviazione Hop Harrigan (William Blakewell) ed il suo fedele amico Tank Tinker difendono il professor Tobor, inventore di un’arma disintegratrice, dalla banda del fantomatico “Chief Pilot” che vuole rapirlo. L’avventura prende una piega inaspettata quando il professore improvvisamente impazzisce e rivolge le sue pericolosissime invenzioni contro l’umanità.

Come accennavamo in apertura, il serial è ispirato ai comic di Jon Blummer pubblicati per la prima volta nel 1939, e già protagonista (con la voce di Chester Stratton) di un serial radiofonico nel 1942, Hop Harrigan si colloca nel filone delle avventure aviatorie che fin dai tempi della prima guerra mondiale avevano enfatizzato le imprese belliche dell’aviazione americana e acceso la fantasia degli adolescenti. L’intreccio, comunque, è molto simile a quello di tante altre storie sull’inventore pazzo e sul raggio della morte. Come per altri serial della Columbia – che in questo genere di intrattenimento non sembra aver mai impiegato molte risorse e fiducia – mancano dati sicuri circa l’attribuzione della sceneggiatura che alcune filmografie attribuiscono a George H. Plympton (di cui possiamo dirvi che ha firmato il soggetto di numerosi film, molti dei quali legati al mondo dei fumetti e di cui vi citiamo il Superman del 1948, Batman and Robin del 1949 e Atom Man vs. Superman del 1950. Tra i suoi lavori più popolari si ricorda Il segreto di Mora Tau.) e ad Andy Lamb. Nonostante i problemi di budget e di fiducia da parte della Columbia, la trama del serial non è molto differente da quella del fumetto originale da cui si ispira e a cui, nei limiti del possibile, cerca d’essere il più aderente possibile.

Purtroppo, come già avvenuto per altri titoli in Live Action che vi abbiamo proposto, questa serie non arrivò mai in Italia rimanendo, a tutt’oggi, ancora inedita. Proprio per questo motivo non è ancora disponibile un’edizione home video italiana di questa serie quindi, chiunque fosse interessato a vederla o possederla, dovrà necessariamente ripiegare sulle solite risorse che la rete mette a disposizione e per facilitare la ricerca degli appassionati, eccovi di seguito i titoli originali degli episodi.

Titoli degli episodi:
1) A mad mission
2) The secret ray
3) The mystery plane
4) Pluning Peril
5) Betrayed by a madman
6) A flaming trap
7) One chance for life
8) White fumes of fate
9) Dr. Tobor’s revenge
10) Juggernaut of fate
11) Flying to oblivion
12) Lost in the skies
13) No Escape
14) The chute that failed
15) The fate of the world

Anche per questa settimana abbiamo esaurito lo spazio a nostra disposizione ma, come di consueto, la nostra rubrica sui live action tratti dai fumetti o dall’animazione, tornerà puntualmente la settimana prossima con un’altra interessante puntata quindi, se volete rimanere aggiornati, continuate a seguirci.

Stay Tuned!!!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>