[Speciale Live Action] Dick Tracy (serie tv 1937)

Anche questa settimana torna puntuale come sempre la nostra rubrica dedicata ai live action tratti da fumetti ed animazione, questa settimana vi parleremo di una serie tv tratta da un fumetto che ha beneficiato di diverse trasposizioni in live action. La serie in questione è del 1937, ovviamente di produzione americana composta da ben 15 episodi diretti a quattro mani da Ray Taylor e Alan James. La serie in questione si intitola Dick Tracy ed è tratta dall’omonimo fumetto statunitense creato dal fumettista Chester Gould. Apparve per la prima volta il 4 ottobre 1931 sotto forma di striscia distribuita dal Chicago Tribune Syndicate. La striscia divenne rapidamente una icona della cultura popolare americana e contribuì a stabilire un nuovo standard per i “crime comics”.

La serie è composta da un variegato cast composto da Ralph Byrd, Kay Hughes, Smiley Burnette, Lee Van Atta, John Picorri, Carleton Young, Fred Hamilton, Francis X. Bushman, John Dilson, Richard Beach, Wedgwood Nowell, Theodore Lorch, Edwin Stanley, Harrison Greene, Herbert Weber, Buddy Roosevelt, George De Normand, Byron Foulger, Ed “Oscar” Platt, Lou Fulton.

Per sbarazzarsi del detective Dick Tracy che gli sta dando la caccia, il fantomatico gangster “The Lame One” (lo zoppo) conosciuto anche come “Spider”, gli rapisce il fratello Gordon e lo affida al suo braccio destro, il dottor Moloch, che lo sottopone ad un’operazione al cervello trasformandolo in un uomo senza volontà, pronto ad eseguire qualsiasi ordine gli venga impartito. Dick Tracy, pur fatto segno di numerosi attentati, non si lascia intimorire dalle minacce e continua a combattere i criminali che, a bordo del “Flying Wing”, un avveniristico aereo, paralizzano le industrie americane colpendole con un raggio disintegratore.

In questo primo serial a lui dedicato, l’avventura prevale sul ritratto amaro di una società dominata dal crimine e dalla corruzione: il Dick Tracy di Taylor e James non è molto diverso dagli eroi senza macchia, senza paura e pieni di incrollabili certezze degli altri serial della Republic, ma la pellicola è diretta e interpretata con professionalità e sviluppata con buon ritmo.

Parte delle sequenze aeree che vedono il Flying Wing in azione sono state riutilizzate l’anno successivo nel serial The Fighting Devil Dogs.

Parte del successo iniziale di Dick Tracy fu sicuramente sia dovuto alla dose di violenza, fino a quel momento mai vista, di cui la striscia è intrisa – violenza chiaramente ispirata dal particolare momento sociale che l’America stava vivendo in quel momento, con le ondate di criminalità tipiche della Chicago degli anni trenta – sia al personaggio stesso. Dick Tracy viene presentato come il classico poliziotto incorruttibile, fedele alla fidanzata ed ai principi della legalità, leale con gli amici, difensore di donne e bambini ma al tempo stesso spietato fino all’eccesso con i criminali, mostrando a volte un vero e proprio grilletto facile.

Dick Tracy si arruola in polizia seguendo proprio questi principi di giustizia. In seguito al rapimento della sua fidanzata Tess Trueheart (tradotto spesso come Tess Cuorsincero in italiano) e all’assassinio del padre di lei da parte del criminale Big Boy decide infatti di diventare detective. Libererà Tess e deciderà di rimanere.

La cosa più interessante della striscia, paradossalmente, sono però i criminali che la popolano: così come Dick Tracy viene disegnato come bello, aitante e forte, i criminali sono mostrati il più delle volte come dei veri e propri deformi della peggior specie, con nomignoli appropriati al loro stato: abbiamo quindi mostri come Pruneface (Facciadiprugna), The Brow (Sopracciglia), Pear Shape (Formadipera) e soprattutto “Flattop” Jones (ovvero Testapiatta Jones), un criminale assoldato per assassinare Tracy, che diventa talmente tanto popolare tra i lettori da causare delle proteste quando l’autore lo fa morire (di morte accidentale). In seguito a tali proteste lo rimpiazzerà presto attribuendogli un figlio identico a lui.

Numerose opere sono state tratte da Dick Tracy. Negli anni quaranta in USA vi furono numerosi sceneggiati radio, dei serial cinematografici e televisivi (live action ed a cartoni) e cinque film per il cinema. L’ultimo è uscito nel 1990, diretto ed interpretato da Warren Beatty con Madonna nella parte di Mozzafiato Mahoney ed Al Pacino nella parte di Big Boy, ma di questi titoli ci occuperemo più in avanti in altre puntate del nostro speciale sui live action.

Tornando alla serie tv del 1937, dobbiamo ancora dire che arrivò anche in Italia, infatti, la televisione italiana lo propose condensato in quattro puntate intitolate Nel segno del Ragno, La morte corre nei cieli, Battaglia fra le nuvole e La pista del Ragno. Sfortunatamente non ancora disponibile un’edizione home video italiana di questa serie, quindi chiunque fosse interessato alla serie o semplicemente volesse vederla, dovrà necessariamente ripiegare sulle solite risorse che la rete mette a disposizione e per facilitare la ricerca degli appassionati, eccovi di seguito i titoli originali degli episodi.

Titoli degli episodi:

01) The Spider Strikes
02) The Bridge of Terror
03) The Fur Pirates
04) Death Rides the Sky
05) Brother Against Brother
06) Dangerous Waters
07) Ghost Town Mystery
08) Battle in the Clouds
09) The Stratosphere Adventure
10) The Gold Ship
11) Harbor Pursuit
12) The Trail of the Spider
13) The Fire Trap
14) The Devil in White
15) Brothers United

Ma se siete solo curiosi e non vi interessa possedere la serie ma solo vederla, allora mi rimandiamo alla versione in streaming qui di seguito che contiene l’intera serie, purtroppo solo in lingua originale, ma è comunque sempre meglio di niente.

Anche per questa settimana abbiamo esaurito lo spazio a nostra disposizione ma, come di consueto, la nostra rubrica sui live action tratti dai fumetti o dall’animazione, tornerà puntualmente la settimana prossima con un’altra interessante puntata quindi, se volete rimanere aggiornati, continuate a seguirci.

Stay Tuned!!!


Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>