Home Animazione ¤ Recensione Voglio mangiare il tuo Pancreas

¤ Recensione Voglio mangiare il tuo Pancreas

38
0
Voglio mangiare il tuo Pancreas

Voglio mangiare il tuo Pancreas è un film anime del 2018 diretto da Shinichirō Ushijima, tratto dal romanzo omonimo di Yoru Sumino del 2014. Dal romanzo sono stati tratti anche un manga nel 2016 e un film live action diretto da Sho Tsukikawa, distribuito nel 2017.


Il film, distribuito da Aniplex, è stato presentato in anteprima nelle sale giapponesi il 1º settembre 2018. Aniplex of America durante l’edizione 2018 dell’Anime Expo ha annunciato che il film sarebbe stato proiettato nei cinema del Nord America e Madman Entertainment ha annunciato su Twitter la distribuzione del film in Australia e in Nuova Zelanda durante l’edizione 2018 del Sydney Manga and Anime Show.

In Italia la Dynit ha acquistato i diritti per il romanzo, il manga e il film animato che è stato proiettato nei cinema il 21, 22 e il 23 gennaio 2019 da Nexo Digital.

Il cast vocale originale della pellicola è composto da: Lynn, Mahiro Takasugi, Yukiyo Fujii, Yūma Uchida, Jun Fukushima, Atsuko Tanaka, Shinichiro Miki, Emi Wakui.

Il cast vocale italiano della pellicola è composto da: Giulia Franceschetti, Mirko Cannella, Lucrezia Marricchi, Lorenzo De Angelis, Paolo Vivio, Laura Cosenza, Giò Giò Rapattoni.

Haruki Shiga è un timido studente delle superiori e il suo carattere non potrebbe essere più opposto di quello di Sakura Yamauchi, una sua compagna di classe, apparentemente sempre allegra e piena di vita. Un giorno, però, il ragazzo ritrova casualmente in un ospedale il diario segreto di Sakura che lei aveva perduto, e leggendolo scopre una terribile verità: la ragazza ha una malattia terminale al pancreas che la porterà alla morte in breve tempo. Il ragazzo diviene così custode del segreto di Sakura e decide di passare sempre più tempo con lei, per i giorni che ancora le rimangono da vivere.

     

Dopo un adattamento live action nel 2015 – dal titolo Let Me Eat Your Pancreas – il bestseller di Yoru Sumino trova una fedele trasposizione anime grazie a Shinichiro Ushijima.

Un classico mélo adolescenziale, con la malattia terminale come catalizzatore dei sentimenti. Una irruzione della vita vera (e della morte) nel limbo privo di impegni della gioventù, che sveglia, come un ciliegio in primavera, i sensi assopiti del triste Haruki. La similitudine del ciliegio non è dettata dal caso, ma da una precisa intenzione: i nomi scelti per i protagonisti, Sakura (ovvero ciliegio) e Haruki (che sta per primaverile), sanciscono un’unione orchestrata dal destino, in un percorso che significa la fine per una e un nuovo inizio per l’altro.

Simboli semplici, riferimenti popolari – la visione di Sakura nell’aldilà richiama l’immaginario di Il piccolo principe, il suo libro preferito – per un racconto di formazione che predilige il basso profilo. Una lezione di umiltà che ricorre a giochi come “Obbligo o verità” per rivelare i sentimenti più profondi e abbattere i pregiudizi, e che si riflette in un disegno e in una animazione quasi elementari, frutto in parte di vincoli di budget e in parte di scelte stilistiche.

Difficile da prevedere l’effetto spiazzante del titolo sul pubblico ignaro, che gioca sul contrasto tra la crudezza apparente – il riferimento è a una leggende secondo cui si può guarire un organo vitale mangiando l’analogo della persona amata – e la tenerezza effettiva. Una dolcezza che non impedisce a Ushijima di affrontare di petto la tensione sessuale tra i suoi personaggi, muovendosi in alcuni passaggi con coraggio, su un crinale scivoloso.

La morale, simile per molti versi a quella di Colpa delle stelle e Quel fantastico peggior anno della mia vita, è ripetuta a chiare lettere, senza l’ombra di una ellissi, ma i dialoghi sono credibili e sinceri, aiutando a donare tridimensionalità a personaggi altrimenti esili. Meglio non rivolgersi qui in cerca del nuovo Your Name, ma quel che Voglio mangiare il tuo pancreas ha da offrire lo dispiega senza veli né particolari ornamenti, con disarmante semplicità.

Scheda Film

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui