Next Avengers - Gli eroi di domani

¤ Recensione Next Avengers – Gli eroi di domani

Next Avengers – Gli eroi di domani è un film d’animazione distribuito direttamente in DVD uscito il 2 settembre 2008 e basato sui personaggi dei fumetti Marvel Comics. Prodotto dai Marvel Studios e dalla Lions Gate Entertainment, il film è ambientato in un ipotetico futuro dove i figli dei vecchi Vendicatori si ritrovano a fronteggiare il malvagio Ultron che ha ucciso molti dei loro genitori. A fargli da mentore ci sono Tony Stark e Bruce Banner. Originariamente il titolo del film sarebbe dovuto essere Teen Avengers e poi Avengers Reborn, il film è uscito in italia nel 2010.


Il cast di doppiatori originali della pellicola è composto da: Noah Crawford, Brenna O’Brien, Aidan Drummond, Dempsey Pappion, Adrian Petriw, Tom Kane, Fred Tatasciore, Shawn Macdonald, Michael Adamthwaite, Ken Kramer, Nicole Oliver.

Il cast di doppiatori italiani della pellicola è composto da: Pierluigi Astore, Massimiliano Plinio, Ilaria Giorgino, Federico Di Pofi, Enrico Chirico, Antonio Angrisano, Andrea Lavagnino, Gilberta Crispino, Emiliano Reggente, Antonio Bonanotte.

In un futuro apocalittico, in cui Ultron ha ucciso quasi tutti i Vendicatori e ha creato un mondo di sole macchine, un anziano Tony Stark si prende il compito di allevare i figli dei Vendicatori (James Rogers, il figlio di Capitan America e della Vedova Nera; Torunn, la figlia di Thor; Henry Pym Jr., il figlio di Ant-Man e di Wasp; Azari, il figlio di Pantera Nera e di Tempesta). Un giorno mentre i ragazzi giocano nel giardino del loro rifugio gli appare davanti Visione che dopo averli salutati sviene; accorso Tony, i due vanno nel mausoleo segreto dei vendicatori dove Visione dice a Tony di aver individuato l’ultimo figlio dei Vendicatori. Nel frattempo i ragazzi seguono i due nel mausoleo e scoprono dei robot con le sembianze dei Vendicatori costruiti da Tony per combattere Ultron ma poi dimenticati.

     

Inavvertitamente James pronuncia una frase chiave e attiva i robot che immediatamente si alzano in volo in cerca di Ultron. Tony allora incarica Visione di portare via i ragazzi con il Quinjet. Ma durante il tragitto il robot si scarica completamente e l’aereo si schianta nella città di Ultron. I ragazzi, scampati all’esplosione, vengono salvati dai ribelli della città di cui fa parte anche Francis Barton (il figlio di Occhio di falco) che li aiuta a salvare Tony rinchiuso nella torre di Ultron. Il gruppo decide di rifugiarsi nel deserto per cercare il Dr.Banner che, per paura di trasformarsi di nuovo in Hulk, ha deciso di diventare un eremita. In seguito i robot vendicatori (che sono stati infettati dal programma di Ultron e sono ora sotto il suo controllo) arrivano e cercano di catturare i ragazzi che però si dimostrano all’altezza dei loro genitori e li sconfiggono.

A questo punto Ultron scende in campo personalmente e si dimostra più forte di tutti loro messi insieme. Sul punto di soccombere i ragazzi vengono salvati dall’intervento di Hulk più infuriato che mai che, dopo un breve combattimento, strappa in due il corpo del robot. Annientato Ultron i ragazzi, ormai diventati i Nuovi Vendicatori, partono per distruggere i restanti robot del nemico.

Il film animato è carino, con molti riferimenti ai Vendicatori classici; peccato, però, che i protagonisti siano degli ipotetici figli di supereroi Marvel Comics, la cui età non supera i 15 anni. Si, d’accordo, i cinque ragazzini sono simpatici (la figlia di Thor, quallo di Capitan America e della Vedova Nera, quello di Occhio di Falco, quello di Pantera Nera e Tempesta degli X-men e quello di Wasp e Giant-man), ma sembrano fin troppo i “TEEN TITANS” animati della DC comics (anche se almeno loro erano capeggiati da un supereroe adolescente conosciuto, Robin, il pupillo di Batman). Alla fin fine è solo una simpatica favoletta disneyana.

Scheda Film

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>