Mighty Atom

¤ Recensione Mighty Atom

Questa settimana, per il nostro consueto appuntamento dedicato ai live action tratti da fumetti ed animazione, vi parleremo di una trasposizione in live action. Si tratta di una produzione Giapponese realizzata nel 1959 ed il cui titolo è Mighty Atom (Astroboy Live Action TV Series).


Come dicevamo pocanzi, Mighty Atom è una serie tv in live action realizzata nel 1959 di genere Tokusatsu creato da MBS Productions e trasmesso su MBS dal 7 marzo 1959 al 28 maggio 1960. Fu il primo adattamento di Mighty Atom (aka Astro Boy) serie di fumetti manga di Osamu Tezuka ed ha preceduto alla serie di anime che rese famoso il personaggio in tutto il mondo nel 1963.

Tornando alla serie tv, sono molto poche le informazioni in merito a questa serie. Una delle poche cose che possiamo dare per certe è che nel 1962, visto il grande riscontro avuto dal pubblico, gli episodi vennero uniti a comporre un lungometraggio e, come avrete notato dalla data, a pochi mesi dall’arrivo della serie tv anime che avrebbe definitivamente consacrato il personaggio ed il suo autore.

Tetsuwan Atom” (Atom dal pugno di ferro o Il potente Atom, in Italia conosciuto come “Astro Boy”) nasce ufficialmente in Giappone nell’aprile del 1952 in forma seriale sulle pagine della rivista “Shonen Manga” e le sue avventure durano fino al marzo del 1968 ad opera di Osamu Tezuka considerato meritatamente il padre del manga moderno, anzi, il “dio dei manga” o, come viene chiamato da alcuni (soprattutto in occidente), il Walt Disney giapponese.

In realtà Atom compare già in un lavoro precedente di Tezuka, una lunga storia dal titolo “Atom Taishi” (Atom l’ambasciatore), serializzata sempre su “Shonen Manga” dall’aprile 1951 al marzo 1952. Terminata “Atom Taishi”, Astro ha una serie tutta sua di cui è il protagonista assoluto e, con l’arrivo della notorietà, Tezuka rimaneggia “Atom Taishi” per inserirla all’interno della serie stessa.

     

Astro Boy è un robot, anzi, un bambino robot. Nel 2003 a Tokyo, Tobio, il figlio del Dott. Tenma, direttore generale del Ministero della Scienza del Giappone, rimane vittima di un grave incidente stradale. Il padre impazzisce per il dolore e decide di costruire un robot con le sembianze del figlio per farne un degno sostituto, grazie alle più moderne conoscenze tecnologiche del Paese.
Così il 7 aprile 2003 nasce il robot Tobio.
Tenma ritrova la pace e la serenità ma, con il passare del tempo, si accorge che il robot non può crescere come avrebbe fatto il figlio e, preso dall’ira, decide di disfarsi del piccolo e di venderlo. Il robot finisce in un circo come maggior attrazione e prende il nome di Atom (da noi Astro). Qui, fortunatamente, lo nota il Dott. Ochanomizu, successore di Tenma al Ministero, che lo riscatta, gli rende la libertà e lo prende con sé.

Inizia così una nuova vita per Atom: frequenta la scuola come gli altri bambini, ha un padre e una madre robot appositamente costruiti per lui dal Dott. Ochanomizu e lotta contro i molti nemici che minacciano l’umanità salvando ripetutamente la Terra. Atom è dotato di ben 7 grandi poteri: ha una propulsione a reazione per volar nel cielo e nello spazio, parla 60 lingue, distingue il bene ed il male nel cuore degli uomini, ha un udito 1000 volte superiore al normale, i suoi occhi possono diventare potenti fanali, ha due mitragliatrice sui glutei e la potenza di 100.000 CV di un motore a fusione atomica. E’ alto 1 metro e 35 centimetri e pesa 30 Kg.
Ma l’aspetto che lo caratterizza di più e lo avvicina ai bambini ed ai lettori di ogni età è il suo grande senso di giustizia e, soprattutto, la capacità di provare sentimenti umani.

Nonostante il grande riscontro del pubblico, registrato in tutto il mondo e vista l’età della serie ed il suo paese d’origine, non esiste un’edizione home video di questa storica opera e, purtroppo non è reperibile da nessuna parte. Chi fosse interessato a conoscerla dovrà, necessariamente, accontentarsi del manga da qui è stata tratta e delle opere successive.

Anche per questa settimana abbiamo esaurito lo spazio a nostra disposizione ma, come di consueto, la nostra rubrica sui live action tratti dai fumetti o dall’animazione, tornerà puntualmente la settimana prossima con un’altra interessante puntata quindi, se volete rimanere aggiornati, continuate a seguirci.

Stay Tuned!!!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>