Batman: Il cavaliere di Gotham

¤ Recensione Batman: Il cavaliere di Gotham

Batman: Il cavaliere di Gotham (Batman: Gotham Knight) è un film del 2008 diretto da registi vari. È un film collettivo composto da sei episodi animati ispirati al personaggio di Batman. Prodotto da DC Comics e Warner Bros. Animation, realizzato dagli studi giapponesi Madhouse, Studio 4°C, Production I.G e Bee Train, e distribuito direct-to-video da Warner Home Video.


Il cast vocale originale della pellicola è composto da: Kevin Conroy, Jim Meskimen, Ana Ortiz, Gary Dourdan, Jason Marsden, Scott Menville, George Newbern, Corey Padnos, Crystal Scales, Alanna Ubach, Hynden Walch, Corey Burton, Pat Musick, Rob Paulsen, Andrea Romano, Will Friedle, Kevin Michael Richardson, Brian George, David McCallum, Parminder Nagra.

Il cast vocale italiano è composto da: Marco Balzarotti, Antonio Paiola, Enrico Bertorelli, Dania Cericola, Raffaele Farina, Claudio Ridolfo, Renata Bertolas, Benedetta Ponticelli, Cesare Rasini, Mario Scarabelli, Riccardo Rovatti, Guido Rutta, Marina Thovez.

     

Se solo sapeste

Quattro giovani skater raccontano di aver visto Batman proprio quel giorno.

Il primo l’ha visto al porto, mentre combatteva l’Uomo in Nero, un misterioso criminale con attrezzatura tecnologica. Per il ragazzo Batman era un’ombra soprannaturale che appariva e scompariva. La seconda ragazza l’ha visto in città, mentre L’Uomo in Nero scappava verso il porto volando con dei razzi, mentre veniva braccato da Batman, un mostro simile ad un pipistrello gigante. Il terzo invece ha visto comparire lo stesso criminale sul tetto di un grattacielo, pronto a compiere un rapina, quando un Batman robotico è apparso e l’ha costretto alla fuga, volando via su dei razzi, mentre l’uomo pipistrello iniziava a braccarlo balzando da un tetto di grattacielo all’altro.

Quando il quarto ragazzo si lamenta perché a lui non capita mai nulla, compaiono L’Uomo in Nero e Batman, e quest’ultimo gli appare come è veramente: un uomo con un’armatura, ferito e stremato dalla lotta. Il criminale libera un gas che annulla la visibilità ed è pronto a colpire Batman alle spalle, quando proprio l’ultimo ragazzo colpisce a sua volta il criminale alla testa con il suo skateboard.

Batman lo ringrazia per l’ottimo lavoro, dicendogli che gli è debitore, e si allontana col criminale. Ora anche il ragazzo ha la sua storia su Batman.

Fuoco incrociato

I detective della Grandi Crimini Anna Ramirez e Crispus Allen devono scortare L’Uomo in Nero, criminale appena catturato da Batman, fino all’isola di Narrow, trasformatasi completamente in carcere-manicomio.

Sulla via del ritorno, Allen mostra tutto il suo disappunto per la presenza di Batman a Gotham e per l’incarico, giudicato «un lavoro da fattorini», e ammette di voler lasciare la Grandi Crimini. Ana sostiene invece che la comparsa di Batman sia un bene per la città, ora più vivibile, e che addirittura lei provi «meno vergogna ad essere uno sbirro». La donna ferma l’auto e inizia a discutere con veemenza, ricordando anche come lui sia stato scelto appositamente da Gordon, quando una macchina si ferma poco lontano dalla sua, ed un ulteriore furgone dalla parte opposta. Da entrambi i veicoli scendono degli uomini armati appartenenti a due delle bande che ultimamente si combattono in città, ed iniziano a fare fuoco. Allen e Ramirez sono esattamente al centro della sparatoria, e chiedono rinforzi, che probabilmente arriveranno troppo tardi. Compare però l’uomo pipistrello, che colpisce tutti i criminali e salva infine Ramirez, presa in ostaggio da uno dei leader della banda.

Prima di andarsene, Batman ricorda che Gordon sceglie bene i suoi poliziotti.

Prova sul campo

Un incidente ad un satellite delle imprese Wayne ispira a Lucius Fox la creazione di un giroscopio elettromagnetico in grado di deviare la traiettoria di alcuni oggetti metallici, come le pallottole. Bruce prende il dispositivo, e partecipa ad un torneo di golf per beneficenza con il losco affarista Ronald Marshall, con il quale discute della misteriosa morte di Teresa Williams, attivista che si oppose a Marshall. Bruce gli ruba intanto il palmare.

In seguito, Batman avvicina due yacht, uno appartenente al Russo, l’altro al rivale Sal Maroni. I due ingaggiano una sparatoria contro l’uomo pipistrello, che collauda efficacemente il dispositivo di Fox, solo che una pallottola, rimbalzando, colpisce uno degli uomini del Russo. Batman lo porta di corsa al Gotham City Hospital.

Tornato da Fox, si complimenta con lui per l’ottimo lavoro, ma asserisce che nella lotta è pronto a sacrificare solo la sua, di vita, non quella degli altri.

Il mostro delle tenebre

Gordon, Allen, e la Ramirez sono sulle tracce di un mostro che ha rapito il Cardinale O’Fallon durante un sermone, e l’ha trascinato con sé nelle fogne.

Batman scende nei sotterranei della città, ed un barbone riconosce il feroce mostro come Killer Croc, malato di ipercheratosi epidermolitica, traviato dalla droga del temibile Spaventapasseri. Dopo aver affrontato Croc, Batman trova poi di fronte proprio Crane, intento a condannare a morte O’Fallon per l’eccessivo zelo nell’aiutare i senzatetto, quindi sottraendo uomini al suo controllo. Batman interviene, lo libera, e fa saltare una cisterna di metano per fuggire.

Gordon riappare in elicottero per recuperare O’Fallon e Batman, il quale scompare dicendo «Forse la prossima volta».

Attraverso il dolore

Ferito gravemente dallo scontro e dal morso di Killer Croc che, ancora avvelenato dalle tossine dello Spaventapasseri, lo ha infettato, Batman ha alcune allucinazioni, e vaga nelle fogne della città ricordando ciò che ha imparato sul dolore.

Fece il volontario in un ambulatorio dove spesso si era costretti ad operare senza anestesia, ed in seguito divenne allievo di Cassandra, evitata dalla comunità poiché da giovane si era finta un maschio per apprendere dai fachiri, ed era stata poi additata come strega. La donna gli insegna ciò che sa sul dolore fisico, e quando Bruce la difende dalle minacce di alcuni ragazzi, lei lo allontana, poiché non può insegnargli nulla sul suo dolore, che non è solo fisico.

Intanto Alfred giunge per salvare Bruce, ancora disorientato, e ora immerso nell’immondizia con in mano armi trovate in mezzo al pattume. Quando Alfred gli chiede di raggiungerlo, lui risponde che non ce la fa.

Deadshot

Bruce spiega ad Alfred che comprende la tentazione delle armi da fuoco. Contemporaneamente, il misterioso cecchino assassino Deadshot uccide un suo bersaglio, ed il prossimo si prospetta essere Gordon. Batman cerca di proteggerlo, e consegna ad Allen il palmare di Ronald Marshall, mandante di Deadshot.

Durante un viaggio in auto di Gordon, Deadshot è in procinto di premere il grilletto, ma Batman glielo impedisce, e scopre che in realtà Deadshot era stato ingaggiato per Batman, ed ora il bersaglio è stato scovato. Nella lotta sui tetti dei vagoni della metropolitana, Batman ha la meglio, così da permettere alla polizia di arrestare sia lui che Marshall.

Bruce si volta verso la finestra, fissando il bat-segnale che risplende nel cielo notturno.

Per una questione di coerenza, risulta difficile collocare i sei cortometraggi tra le due pellicole simbolo di Christopher Nolan, così come risulta difficile farsi coinvolgere da personaggi e rappresentazioni degli stessi continuamente rimodellati secondo le rispettive scelte registiche; nonostante un paio di ottimi esempi. Batman: Il cavaliere di Gotham si rivela un buon prodotto se dissociato dalle pellicole a cui vorrebbe essere legato e un’ottima esperienza di base per qualsiasi fan dell’animazione giapponese. Oltretutto, a ben vedere dalle edizioni distribuite nel resto del mondo, rimane incomprensibile la scelta di commercializzazione in Italia la sola edizione a disco singolo quando avrebbe sicuramente fatto più gola agli appassionati la Special Edition (2 Dvd) o la lussuosa Blu-Ray edition. Insomma, non basta essere fan di Batman per passar sopra ad alti e bassi di una produzione dal fine puramente commerciale, e al medesimo Dvd davvero sotto la media sia per quantità di contenuti che per qualità. Positivo invece il doppiaggio, che si avvale delle voci ufficiali della mai dimenticata “Batman: The Animated Series”.

Scheda Film

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>