La Warner Bros. produrrà il film di Mandrake

Era il 2007 e Hollywood era immersa nello sciopero degli sceneggiatori quando l’Hollywood Reporter annunciò che Chuck Russell, regista del Re Scorpione, avrebbe diretto l’adattamento cinematografico del fumetto Mandrake.

A produrre la pellicola doveva esserci la MGM, che nel frattempo è andata in bancarotta pilotata ed è risorta dalle ceneri.

Ora il progetto torna dal dimenticatoio: lo stesso Hollywood Reporter rivela infatti che la Warner Bros. sta lavorando a un lungometraggio basato sul fumetto del 1934. Secondo il sito, tuttavia, il nuovo film sarà completamente diverso da quello che pianificava la MGM, e sarà una “avventura contemporanea”. Nessuna notizia sulla possibilità che sia ancora Jonathan Rhys Meyers a interpretare il protagonista, cosa tuttavia assai improbabile trattandosi come detto di progetti diversi.

Il fumetto, creato nel 1934 Lee Falk, veniva pubblicato su molti quotidiani negli Stati Uniti ed è tutt’ora distribuito, sebbene il creatore sia morto nel 1999.

Mandrake il mago (Mandrake the Magician), molto conosciuto semplicemente come Mandrake (pronuncia corretta Mä’ndreik, sebbene in Italia spesso venga pronunciato Mandrache), è un personaggio dei fumetti ideato da Lee Falk (lo stesso autore de l’Uomo mascherato) e disegnato da Phil Davis, che fece il suo esordio nelle strisce a fumetti dei quotidiani statunitensi (daily strip) dell’11 giugno del 1934.

Sempre accompagnato da Lothar, gigantesco africano originario della Nubia e suo fido assistente dal caratteristico fez leopardato, Mandrake si presenta come un abile mago, praticamente invincibile (è addirittura in grado di resuscitare i morti). Sul finire degli anni trenta, però, Falk porrà un limite ai poteri di Mandrake, trasformandolo da mago a semplice illusionista ed ipnotizzatore.

Disegnato con le fattezze di Falk stesso, è ispirato ad un mago realmente esistente, tale Leon Mandrake, che si accordò con Falk affinché questi non rivelasse mai la sua fonte di ispirazione, per consentire all’amico mago di sfruttare la popolarità del personaggio.

L’aspetto e lo stile caratteristici di Mandrake ricalca quello di molti degli illusionisti che si esibivano sia in Europa che nel nuovo continente sin dall’Ottocento, e cioè un impeccabile frac con mantellina e cappello a cilindro.

Protagonista di oltre cinquant’anni di storie, quasi tutte realizzate per i quotidiani, Mandrake sfrutta soprattutto la sua intelligenza nel risolvere intricate indagini che, volente o nolente, lo coinvolgono sempre, spesso in soccorso di giovani fanciulle in pericolo.

Mandrake inizialmente venne disegnato dallo stesso Falk, che presto passò la matita a Davis, che prese ufficialmente il suo posto di disegnatore il 15 giugno del 1934 e continuò per più di trent’anni. Alla morte di Davis, Falk assegnò la cura dei disegni a Fred Fredericks. Falk morì nel 1999 ma i fumetti di Mandrake continuarono a vivere grazie all’opera dei fedeli disegnatori.

In Italia apparve per la prima volta il 20 gennaio 1935, all’interno del settimanale a fumetti L’Avventuroso (che già aveva pubblicato altri personaggi d’origine statunitense quali Flash Gordon, Secret Agent X-9 e Jim della giungla), con una storia intitolata Mandrake, l’uomo del mistero. Al personaggio, in Italia, venne anche dedicata una rivista cui ha collaborato alle copertine, tra gli altri, il grande illustratore ed autore di fumetti Guido Buzzelli.

Come abbiamo appena visto, Leon Mandrake è un illusionista che utilizza le proprie abilità (come l’ipnosi) per combattere il crimine e questo fa di lui un vero e proprio supereroe al pari di altri personaggi dei comics e non poteva certo mancare una sua trasposizione cinematografica.

Al momento non siamo in grado di dirvi altro su questo progetto, ma non appena ne sapremo di più, non mancheremo di riportarvi ogni dettaglio, quindi continuate a seguirci se volete rimanere informati su questo (e non solo) argomento.

Stay Tuned!!!!!!!!


Tags:  , ,

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>