[Etna Comics 2013] Sintesi della terza giornata

Chiusura col botto per Etna Comics 2013, il “Festival Internazionale del fumetto e della cultura pop” che ormai da tre anni catalizza l’attenzione di decine di migliaia di appassionati che anche quest’anno hanno preso d’assalto i botteghini, invadendo i padiglioni del Centro Fieristico “Le Ciminiere” di Catania.

Oltre 40mila le presenze nel corso della tre-giorni, che ha letteralmente bruciato il record della scorsa edizione, facendo registrare un significativo incremento nel numero dei visitatori, solo oggi più di 15mila.

Dati esaltanti, supportati dalle cifre dei tanti settori della fiera: oltre 2000 iscritti alla Videogames Zone, più di 1500 all’Area Giochi, 1500 alla sezione “Altrimondi” e 1000 al Maid Cafè.

Senza precedenti il numero dei partecipanti iscritti all’immancabile sfilata cosplay, che ha visto in passerella Batman, Naruto, Goldrake, La Sirenetta, Goku, Capitan Sparrow, Joker, Alice nel Paese delle Meraviglie, Super Mario Bros, Hulk, Hellboy e tanti altri.

Come già avvenuto nelle giornate precedenti, anche oggi vi facciamo il resoconto degli eventi più importati della giornata, anche se alcuni eventi sono risultati accavallati ad altri, siamo ugualmente riusciti a garantire una copertura più che adeguata degli eventi.

Alle 11:00 si è svolto l’incontro dal titolo Undeground Britannia, che ha visto la partecipazione di Bryan e Mary Talbot nella sala conferenze sita presso il padiglione F1 del Centro Fieristico “Le Ciminiere” di Catania, di cui vi parleremo quanto prima in un apposito approfondimento.

Dalle 11:00 in poi fino alle 14.30 si è tenuto, presso il Japan Center sito al secondo piano del padiglione F1 del centro fieristico vi è stata la proiezione del film “I sospiri del mio cuore” che ha introdotto  il terzo ed ultimo appuntamento del seminario intitolato: L’interculturalità nell’intrattenimento giapponese (parte 3) a cura di Gualtiero Cannarsi. In questa terza ed ultimo appuntamento è stato ripreso e portato a conclusione quanto detto nei due precedenti incontri e di cui vi daremo una più dettagliata sintesi in un apposito articolo di approfondimento.

Alle 15:00 si è svolto il terzo e conclusivo incontro dal titolo Un caffè con Bonelli – Attraverso lo specchio. Un laboratorio su Dylan Dog con Giovanni Gualdoni, Fabio Celoni e Val Romeo. L’incontro si è svolto in due parti, nella prima gli autori hanno parlato a ruota libera su Dylan Dog, descrivendo le varie fasi della gestazione degli albi fino al momento dell’effettiva uscita. Nella seconda parte dell’incontro, i tre autori si sono concessi alle domande del pubblico, dando ampie risposte a tutti quelli che sono riusciti a porgere dei quesiti. Anche in questo caso, a breve, vi daremo ampia e dettagliata descrizione dell’incontro con un articolo di approfondimento che a breve pubblicheremo.

Alle 16:00 presso l’area Palco, sita sul piazzale Asia, accanto al Centro Fieristico “Le Ciminiere” di Catania, si è svolto l’attesissimo evento Etna Comics Cosplay Contest, che ha visto la sfilata di centinaia di Cosplayer iscritti al contest che ha visto l’assegnazione al vincitore di un viaggio a San Diego per il Comic Con del prossimo mese.

Alle 17:00 si è svolto un altro importante appuntamento con la Bonelli, dal titolo Dragonero: nasce il Fantasy in casa Bonelli, un incontro con Stefano Vietti e Luca Enoch, che hanno presentato e palato del primo fantasy di casa Bonelli che tra 24/48 uscirà ufficialmente con il suo numero 1.

Sempre alle 17:00 si è tenuto l’ultimo appuntamento con i doppiatori con l’incontro (Rad)Doppio Anch’io,

Laboratorio di doppiaggio sull’animazione giapponese, con Fabrizio Mazzotta, Emanuela Pacotto e Maurizio Merluzzo. L’incontro è stato simile a quello della seconda giornata ed il pubblico ha partecipato talmente numeroso che la sala non è riuscita a contenerli tutte le persone che sono venute ad assistere all’evento, a conferma della grande affluenza di pubblico che c’è stata quest’oggi.

Alle 20:00 l’area espositiva ha chiuso i battenti della terza edizione di Etna Comics, ma la manifestazione si è spostata sul piazzale Asia per gli ultimi due eventi che hanno sancito la conclusione della tre giorni catanese dedicata al mondo del fumetto in ogni sua espressione.

Alle 21:00 si è infatti svolto lo spettacolo dal titolo Masako Macaron True Vocaloid Live Show, che ha intrattenuto e scaldato il pubblico preparandolo per l’ultimo evento live in scaletta.

Alle 21:30 la doppiatrice Emanuela Pacotto Idol. La doppiatrice si è cimentata, con uno strepitoso successo, con le canzoni di svariati anime cantate rigorosamente in lingua originale. La doppiatrice non è nuova ad iniziative di questo genere, infatti, già in passato aveva realizzato una simile esperienza durante la manifestazione di Lucca per promuovere la cultura J-pop di Anime e manga in tutto l’occidente ed anche questa sera, come allora, il successo è stato strepitoso.

Altro evento che ha contraddistinto la giornata di oggi è stata la vittoria di Salvatore Coniglione, classe 1975, che si è aggiudicato il primo Premio del concorso “Cover Reloaded”, realizzato in collaborazione con Sergio Bonelli Editore, assegnato da una giuria composta da Giovanni Gualdoni, Fabio Celoni, Valentina Romeo, Forum ZTN, Angelo Pavone e i Dylandogofili. La sua rivisitazione della copertina numero uno di Dylan Dog, “L’alba dei morti viventi”, ha infatti sbaragliato gli oltre 160 iscritti al Premio portandosi a casa, oltre a vari set completi di strumenti per l’illustrazione, anche l’esposizione delle proprie opere presso la Cart Gallery di Roma.

Nella giornata di oggi sono stati premiati anche gli autori della prima edizione del Premio Francisco Solano Lòpez. I membri della giuria, presieduta da Angel de la Calle, hanno inoltre consegnato le targhe d’argento a Robin Wood come miglior sceneggiatore, a Sergio Algozzino come migliore disegnatore, a Bryan Talbot come miglior autore completo. Premiati pure Vanna Vinci, autrice di “La Casati” (Rizzoli Lizard), come miglior graphic novel, “Batman Inc” (RW Lion), come miglior serie straniera, “Hellboy, la casa dei morti viventi” di Mike Mignola e Richard Corben (Magic Press), come miglior fumetto straniero, e “Dove sussurra il mare” di Keiko Ichiguchi (Kappa edizioni), come miglior fumetto italiano.

Riuscire ad elencare tutto quello che è avvenuto nelle tre giornate catanesi, vista anche la ricchezza degli eventi e la quantità degli ospiti è veramente difficile, ma pensiamo comunque d’essere riusciti a dare delle dettagliate sintesi dei tre giorni e se nel farlo non abbiamo dato spazio a tutti è stato non per dimenticanza o trascuratezza, ma più semplicemente perché materialmente non eravamo in grado di presenziare a più eventi simultaneamente, quindi chi non fosse stato nominato o appena accennato nelle nostre sintesi non ce ne voglia. Ci teniamo a dire che se da un lato è vero che Etna Comics si è appena conclusa, è altrettanto vero che nei prossimi giorni torneremo a parlarne approfondendo quello che abbiamo appena accennato nei nostri precedenti articoli, quindi se pensate che Etna Comics abbia già dato e detto tutto per quest’edizione, aspettate di vedere ciò che pubblicheremo nei prossimi giorni, quindi continuate a seguirci se volete rimanere aggiornati.

Stay Tuned!!!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>