Astorina

Astorina presenta “La vera storia dell’isola di King”

Riceviamo e con piacere pubblichiamo il seguente comunicato stampa pervenutoci dalla redazione della Astorina. Il comunicato stampa illustra ai lettori dell’editore, il grande Diabolik 1/2014 dal titolo “La vera storia dell’isola di King”. Per maggiori dettagli vi rimandiamo al comunicato stampa ed alla relativa gallery fotografica che trovate in calce a questo articolo oltre alla prefazione del volume firmata da Mario Gomboli in persona.

SAVE THE DATE: 15 Aprile 2014

Data che segna la prossima uscita della serie Il Grande Diabolik, dal titolo La vera storia dell’isola di King.

Una storia che promette di svelare un nuovo tassello importante del passato del Re del Terrore.

Questa volta, infatti, Diabolik potrebbe scoprire la vera identità di King, il re dell’isola sulla quale è cresciuto, e come sia diventato il capo di una accozzaglia di criminali tanto geniali quanto spietati.

L’albo è stato realizzato su un soggetto di  Mario Gomboli e Tito Faraci; sceneggiatura dello stesso Faraci.

I disegni e la copertina sono ad opera di Giuseppe Palumbo mentre quelli di collegamento portano la firma di Giuseppe Di Bernardo e Jacopo Brandi.

IL GRANDE DIABOLIK 1/2014

La vera storia dell’isola di King

Forse Diabolik sta per scoprire chi era veramente King, il re dell’isola sulla quale è cresciuto, e come era diventato il capo di una accozzaglia di criminali geniali quanto spietati. Forse.

L’isola di King, lontana da qualsiasi rotta conosciuta, fu per quasi vent’anni la patria del giovane Diabolik, raccolto dai suoi abitanti su una scialuppa di salvataggio al largo della costa ancora bambino. Il giovane naufrago dimostrò sin da subito notevoli capacità di apprendimento. Negli anni seguenti, infatti, apprese le varie lingue parlate dagli abitanti dell’isola, ma anche le più disparate tecniche criminali da loro utilizzate durante le scorribande pianificate da King, capo indiscusso dell’isola.

Soggetto: Mario Gomboli e Tito Faraci
Sceneggiatura: Tito Faraci
Disegni: Giuseppe Palumbo
Disegni di collegamento: Giuseppe Di Bernardo e Jacopo Brandi
Copertina: Giuseppe Palumbo

196 pagine, formato 16,5 x 21,0 cm., 4,90 euro
Dal 15 aprile in tutte le edicole

King, il Re dell’isola

 Così Diabolik, nella sua autobiografia, ricorda King e la sua isola:

“Tutto quello che so delle mie origini, o credo di sapere, è che sono stato fortunosamente recuperato dalla scialuppa di salvataggio di una nave, affondata al largo di una piccola isola nell’Oceano Orientale…

Negli anni ho imparato come il crimine, esercitato in modo geniale e sofisticato, può arricchire e dare potere a un uomo, in questo caso al temuto capo dell’isola. Tutti lo chiamavano, semplicemente ma con il massimo rispetto, King.

Non ho mai saputo neppure se quello fosse il suo vero nome. King non parlava mai di sé, della sua famiglia, delle sue amicizie o della sua vita prima di arrivare lì: usava l’alone di mistero intorno alla sua persona per controllare gli uomini che lavoravano per lui. Poiché nei paesi d’origine erano tutti ricercati, per molti l’isola era il solo posto in cui poter vivere liberi. Certo, alcuni si allontanavano per brevi trasferte, per compiere le loro azioni illecite in giro per il mondo…

Altri invece non lasciavano mai l’isola: per loro era un rifugio e al tempo stesso una prigione. King infatti non avrebbe mai permesso che trapelassero i risultati delle ricerche scientifiche che stavano portando avanti.

Solo in seguito mi sono accorto di quanto fosse anomalo il regno che King era riuscito a costruire, anomalo e al tempo stesso eccezionale.

Aveva avuto l’intuizione di mettere insieme un’equipe di persone validissime, indipendentemente dalle loro origini, da quello che avevano fatto prima o dal motivo per cui si erano rifugiate lì…

Ai miei occhi di ragazzino King appariva anziano, anche se, probabilmente, non aveva più di cinquant’anni. Alto e imponente, era affascinante con i suoi capelli candidi; i vestiti eleganti e l’atteggiamento altezzoso gli davano un’aria carismatica, che suscitava rispetto.

Tutto questo, oggi ne sono cosciente, poteva derivare solo da una grande esperienza…

 Il mio arrivo sull’isola e i miei primi anni lì mi sono stati raccontati: ero troppo piccolo per averne conservato un ricordo, e non so se mi abbiano detto la verità oppure mi abbiano mentito…

Crescendo sull’isola ho visto come agivano King e i suoi uomini: non hanno mai esitato prima di uccidere qualcuno… Ma allora perché risparmiarmi? Un caso, un momento di pietà, un secondo fine che ancora mi appare oscuro? Lo ignoro…

Mi hanno detto che avevo all’incirca un anno e che sulla barca con me c’erano dei cadaveri, forse anche quelli dei miei genitori, ma chi fossero realmente non l’ho mai saputo. Se c’erano dei documenti che identificavano loro o me, di certo sono andati distrutti. Per questo non conosco il nome che mi è stato dato alla nascita…

Per tutto quel che riguarda le mie origini e la mia famiglia ho una sorta di diffidenza nell’indagare, devo ammetterlo. Se fosse ancora vivo, King mi direbbe che l’alone di mistero sul mio passato è servito a creare il giusto carisma.”

Questo abbiamo potuto leggere solo nel 2010. Prima di allora, tanti lettori e fan curiosi di conoscere le misteriose origini di Diabolik già dalle sue prime apparizioni in edicola dovettero aspettare ben sei anni, sino all’episodio Diabolik, chi sei? del 1968, quando Angela e Luciana Giussani decisero di dar loro soddisfazione.

Ma le Autrici scelsero una fonte d’ispirazione diversa da quella che le aveva portate a creare il Re del Terrore. Più che da Fantômas, Rocambole e Arsène Lupin, sembra che si lasciarono influenzare dalla lettura delle Tigri di Mompracem.

Infatti chi è King se non l’equivalente di un pirata che impera su un’isola spersa nei “mari del sud” e probabilmente, come Tortuga, non segnata dalle carte ufficiali?

E chi sono i suoi uomini se non una masnada raccogliticcia di banditi provenienti dai quattro angoli del mondo e affratellati dalla comune propensione al crimine?

Certo, sull’isola di King la tecnologia è moderna e non si accenna a duelli a colpi di sciabola o barili di rum… ma questo  “aggiornamento” è analogo a quello operato dalle Giussani per trasformare le carrozze del feuilleton inizio secolo scorso nelle rombanti automobili degli episodi di Diabolik.

In compenso altri elementi richiamano le saghe salgariane: il naufragio, il piccolo orfano sopravvissuto, la pantera nera mangiatrice di uomini e uccisa dal grande cacciatore bianco.

Tutti i lettori affezionati conoscono perfettamente ogni dettaglio di quell’episodio e incitano gli autori a completarne la narrazione laddove era vaga o interrotta. Da qui la ricerca di spunti celati tra le righe, elementi capaci di suscitare – e magari soddisfare almeno in parte – la curiosità dei fan.

Così, ne Il tesoro di King (n. 10 del 1998); in Ritorno all’isola di King (n. 11 del 2002); in Gli anni perduti nel sangue (Il Grande Diabolik 1/2006) e successivamente in Io sono Diabolik (Il Grande Diabolik 1/2009) si è cercato di dare una risposta – sia pure incompleta – alla domanda: “Che cosa è successo dopo la morte del boss?”.

In L’ombra della luna (Il Grande Diabolik 1/2010) abbiamo poi visto il primo incontro tra Diabolik e la pantera nera da cui avrebbe preso il nome.

Altri aneddoti inediti sono anche apparsi in Contro un fantasma (n. 1 del 2002), nel racconto breve Vinca il migliore, apparso nel volume Diabolik visto da lontano (Astorina 2002), e in Un appello dal passato (n. 4 del 2006).

Ma molti sono ancora i misteri legati all’isola di King, e se alcuni, per espressa volontà delle sorelle Giussani, non saranno mai svelati, altri hanno stimolato gli autori a creare episodi inediti.

Come quello che vi accingete a leggere.

Mario Gomboli

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>