Nuovo disegnatore e nuovo film per Asterix

Una nuova avventura a fumetti e un nuovo disegnatore per Asterix. Il 35/esimo album con le storie del piccolo guerriero gallico in lotta con i romani uscirà nell’autunno del 2013 e per l’occasione il disegnatore sarà Didier Conrad, che prenderà il posto di Frederic Mebarki, che ha deciso volontariamente di gettare la spugna. Lo sceneggiatore sarà Jean-Yves Ferri. È quanto hanno annunciato ufficialmente le Editions Albert Renè, controllate dal gruppo Hachette, che detengono i diritti di pubblicazione dopo la recente vendita da parte del disegnatore francese Albert Uderzo, creatore del personaggio di Asterix insieme allo sceneggiatore Renè Goscinny, prematuramente scomparso nel 1977.

Se i nomi degli autori scelti per la realizzazione della trentacinquesima puntata di Asterix e la data prevista per l’uscita dell’album sono ora ufficiali, nessuna indiscrezione è stata fornita sulla trama della prossima avventura. Nonostante Uderzo, 85 anni, abbia lasciato il controllo diretto dell’atelier creativo di Asterix, il padre del piccolo guerriero con i baffi continua ancora la sua supervisione e la scelta di Conrad e Ferri è avvenuta con il suo beneplacito.

”Disegnare Asterix è per me un’avventura straordinaria, è un sogno coltivato da tanto tempo che ora si realizza inaspettatamente”, ha detto Didier Conrad, il futuro disegnatore. Il duo Goscinny e Uderzo inventò il personaggio di Asterix nel 1959 e da allora i 34 album delle sue avventure a fumetti hanno venduto 325 milioni di copie con traduzioni in 111 lingue.

Ricordiamo ai nostri lettori che la serie di Asterix (in passato conosciuta col nome di Asterix il Gallico) è ambientata nell’antica Gallia al tempo di Giulio Cesare, attorno al 50 a.C., ha per protagonisti il guerriero gallico Asterix, il suo miglior amico Obelix, trasportatore di menhir, e tutti gli abitanti del loro piccolo villaggio gallico in Armorica, che si ostina a resistere alla conquista romana grazie all’aiuto di una pozione magica preparata dal druido Panoramix, in grado di conferire una forza sovrumana a chi la beve.

« Astérix incarna maliziosamente tutte le virtù dei nostri antenati Galli. L’umorismo di René Goscinny e Uderzo vi farà amare questo piccolo guerriero baffuto, personaggio nuovo nel mondo dei fumetti. »

Preceduto da queste parole, Asterix il gallico appare per la prima volta sul n° 1 di Pilote il 29 ottobre 1959, su sceneggiatura di Goscinny e disegni di Uderzo.

Inizialmente Asterix doveva essere l’unico personaggio principale della storia. Uderzo insistette affinché Astérix avesse una spalla. Un personaggio grasso, placido e gioviale, che non porta ancora un menhir, ma un’ascia. Durante la prima avventura questa figura ha un ruolo di contorno, limitandosi ad aspettare il ritorno del protagonista.

Goscinny lo recupera nelle avventure successive e ridistribuisce i ruoli: Astérix diventa un eroe a tutto tondo, limitato solo dal fisico mentre i difetti franco-gallici vanno a ricadere sul suo compare: Obélix è suscettibile, irascibile e goloso.

Il villaggio viene posizionato in Armorica. Fior di analisi sono state fatte su questo dettaglio: su tutte, la Bretagna come alto simbolo di testardaggine contadina e di ostilità contrapposta al centralismo di Parigi (da tempo infatti i bretoni chiedono maggiore autonomia). La realtà è molto più prosaica: per Goscinny ogni posto andava bene, e Uderzo ha scelto la Bretagna perché si ricordava bene dei suoi paesaggi. Il villaggio ha sempre delle scaramucce a portata di mano grazie agli accampamenti romani che lo circondano. Ma come in Lucky Luke le battaglie sono incruente. Occhi neri e braccia rotte, ma nulla di irreparabile.

Il risultato dei loro sforzi è ben ripagato. L’angolo della posta, i conoscenti, tutti elogiano Astérix.

Attualmente, è in fase di produzione un nuovo film d’animazione, per la prima volta in computer grafica, ispirato all’albo Asterix e il Regno degli dei; la sua uscita cinematografica è stata annunciata come prevista per il 2014.

Esistono anche quattro film “dal vivo” sulle creature di Goscinny e Uderzo.

Il 3 febbraio 1999 esce in Francia il film Asterix e Obelix contro Cesare (Astérix et Obélix contre César), con Gérard Depardieu, Christian Clavier e Roberto Benigni, per la regia di Claude Zidi.

Nel 2002 il secondo film, Asterix e Obelix – Missione Cleopatra (Astérix & Obélix: Mission Cléopâtre), con la regia di Alain Chabat e con Monica Bellucci nei panni di Cleopatra.

Nel 2008, anno delle Olimpiadi, esce il terzo film con attori reali: Asterix alle Olimpiadi, tratto dall’albo omonimo. Tra gli interpreti, Clovis Cornillac, nel ruolo di Asterix; Gerard Depardieu, Alain Delon, Luca & Paolo, Michael Schumacher e Jean Todt, Claudia Cardinale e molti sportivi.

È di quest’anno Asterix e Obelix al servizio di sua maestà, il primo della saga ad essere proposto in 3D. Tra gli interpreti troviamo Gérard Depardieu, Catherine Deneuve, Dany Boon, Gotz Otto, Fabrice Luchini, Jean Rochefort, Filippo Timi, Gérard Jugnot, Luca Zingaretti, Edouard Baer, Dolores Chaplin, Valérie Lemercier, Jonathan Zaccaï, Bouli Lanners, François Damiens, Jacques Herlin, Vincent Lacoste, Neri Marcorè, Gotz Otto.

Il film è ambientato nel 50 avanti Cristo. Cesare ha sete di conquista. Alla testa delle sue legioni decide d’invadere un’isola situata ai confini del mondo, un paese mistriso chiamato Britannia. La vittoria è totale e rapida…o quasi. Un piccolo villaggio, a fatica, riesce a resistergli. Cordelia, regina dei Bretoni, decide dunque d’inviare il suo più fedele servitore, Jolitorax, a chiedere aiuto in Gallia, presso un altro piccolo vilaggio noto per la sua resistenza ai Romani…

Quest’ultimo film è attualmente inedito in Italia ed in Francia uscirà il prossimo 17 ottobre. Al momento non siamo in grado di dirvi quando il film in questione uscirà in Italia, ma continuate a seguirci e vi terremo aggiornati.


Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>