Chiude Amazing Spiderman nasce Superiror Spiderman

Un anno fa la DC fece il reboot di new 52. Tutto nuovo, un nuovo universo da riscrivere, più semplice, senza la continuty, senza 75 anni di mitologia e centinaia di personaggi, tutto nel nome del rinnovare e della ricerca di una nuova generazioni di lettori (Ah il nuovo lettore questo mitico santo Gral, questa utopia irraggiungibile, cosa non fanno le case editrici x accaparrarsi nuovi lettori?). L’operazione sembrò funzionare: i lettori statunitensi arrivano a flotte, e molte delle 52 nuove serie scalarono i posti della classica. Poi a dicembre, passata l’euforia le vendite tornano a essere quelle del pre-reboot, poco male, dopotutto si è solo distrutto il più vecchio universo di supereroi della storia.

Visto che l’operazione alla DC ha funzionato, perché la Marvel non doveva tentare la stessa strada fortunata, così tra qualche mese, dopo lo scontro tra X-men e Avengers inizierà Marvel Now. Molte testate avranno la numerazione azzerata e si ricomincerà con avengers 1, iron-man 1, cap america 1, magari i comics saranno più simili ai film che tanto hanno successo, per esempio con nick fury disegnato come Samuel L. Jackson o qualcosa più simile all’universo ultimate.

Ma la novità più grossa è rappresentata dalla chiusura di Amazing Spider-man con il numero 700 e il lancio di Superior Spider-man.

Ora a parte che questo Superior fa quasi ridere, sembra messo li come ad attirare i bambini, a questo punto perché non super sayan spider-man? Ora a parte queste cretinate (chiedo scusa ai fans di DB, ma serviva per chiarire l’idea), se c’è un eroe a cui aggettivo Superior proprio non va è

Spider-man, l’uomo ragno (una volta lo chiamavamo così) era il più umano dei supereroi, con il suo dogma: da grandi poteri derivano grandi responsabilità, che lo ha sempre reso un personaggio anche se divertente, molto serio se non drammatico e tragico in certe situazioni. Stan Lee poi con l’idea Supereroi con Super-problemi gli aveva segnato la vita con un numero impressionante di sfighe: amato Zio e la prima ragazza uccisi, il padre del migliore amico come suo arci-nemico, amici drogati e alcolizzati, strani costumi neri ecc. La vita dell’amichevole spider-man di quartiere era tutto fuorché Superior, anzi proprio la definizione amichevole spider-man di quartiere sembrava voler “minimizzare” l’operato dell’eroe di New York, che però in anni recenti si è visto entrare in non si sa quanti supergruppi: Vendicatori (in diverse formazioni), Future Fondection (nuova versione dei Fantastici Quattro dopo la morte della Torcia Umana), pure nella nuova serie a cartoon Marvel Ultimate Spider-man, fa parte di un gruppo di giovani eroi, versioni giovanile di alcuni personaggi minori della Marvel come Iron Fist e Nova.

Alla faccia dello Spider-man un po’ asociale, un po’ perdente e anche un po’ Nerd dei buoni tempi andati.

Ora forse la colpa è mia perché sono rimasto ancorato al passato, quando un fumetto però era un fumetto e per leggerlo ci mettevo di più di 2,5 minuti, dove gli eroi erano eroi con super-problemi, ma soprattutto non mi sembrava di leggere un videogioco picchia duro o una bacheca di Facebook.

Quello che mi da più fastidio è che per fare questa nuova testata di Spider-man faranno “morire” Amazing Spider-man con il numero 700. Oggi sembra quasi assurdo, ma Spider-man, (e fino a un anno fa), Superman e Batman erano i soli personaggi dei comics a essere pubblicati interrottamente sulle stesse testate fin dall’inizio, cioè Action Comics, Detective  Comics e Amazing Spiderman (anche se la prima storia dell’uomo ragno era uscita sul numero 12 di Amazing Fantasy) hanno accompagnato le storie degli eroi fin dalle origini, che per Superman e Batman è stato il 1938-39, mentre per Spider-man fu nel 1962, cioè a settembre di quest’anno l’arrampica muri ha spento 50 candeline.

Allora prendiamo Amazing Spider-man è come niente fosse la cestiniamo e facciamo Superior, chi se ne frega se Amazing ha una gloriosa storia alle spalle, chi se ne frega se i vecchi lettori e autori ne erano affezionati. Dobbiamo guardare avanti, dobbiamo farci comprare da ragazzini con il cervello fuso da Playstation e IPhone (cosa che ho pure io per inciso).

Secondo me è assurda una simile operazione e ne usciremo tutti un po’ impoveriti, è come voler distruggere una villa romana per costruirci un centro commerciale, similitudine sbagliata?

Non saprei visto che Amazing Spider-man nel mondo dei comics si può paragonare oramai a un monumento.

Ma forse dietro questa decisione c’è pure dell’altro, visto che la DC nonostante il reboot di 52, non ha eliminato Action Comics o Detective Comics, ma ha ricominciato la numerazioni, mentre in casa Marvel si è chiusa definitivamente Amazing, quando nel arco degli anni, soprattutto recenti le testate di Spiderman si sono moltiplicate e alcune chiudendo dopo pochi numeri.

Allora perché chiudere la storica Amazing Spider-man per aprire Superior, invece che semplicemente ricominciare da 1 come con le altre serie di Marvel Now? Non sarà invece che la

Disney ora proprietaria della Marvel, non vedeva di buon occhio Amazing, perché era anche il titolo dell’ultimo film dell’uomo ragno prodotto dalla Sony? In poche parole per evitare che uno dei suoi concorrenti avesse pubblicità proprio da quel titolo?

Ora a parte queste cose quasi da men in black, Amazing Spider-man concluderà la sua corsa con il numero 700, con la storia scritta da J.M. DeMatteis, che è uno degli sceneggiatori che hanno fatto la storia dell’uomo ragno e disegnata dal nostro Giuseppe Camuncoli. Superior sarà sceneggiato da Dan Slott e disegnato da Ryan Stegman, e da quello che è trapelato ci troveremo di fronte a uno Spider-man molto diverso, più dark forse anche un po’ ringiovanito, insomma più simile al film di Mark Webb.

Ora aspettiamo Superior Spider-man e Marvel Now, e mi domandò se tra un paio anni non avremmo dei nuovi reboot: tipo God Spider-man o New 104.

A Cura di Alan Gray

Tags:  , ,

Lascia un commento

È possibile utilizzare questi tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>