Dylan Dog

Dylan Dog fase uno (vero rilancio o trovata pubblicitaria?)

Questo non sarà il solito post, per tanti troppi ovvi motivi, diciamo che vi daremo le informazioni, gli strumenti perché ognuno di voi di noi possa rispondere alla domanda provocatoria domanda del titolo. Facciamo un passo indietro, torniamo al 21 Maggio 2013 quando in questo post annunciavamo il cambio di rotta che la testata di Dylan Dog avrebbe preso con al timone Roberto Recchioni, ce l’aspettavamo, se l’aspettavano tutti, ma così in fretta? No così in fretta no perché alla Bonelli lo sanno anche gli ibiscus nani le storie si programmano con largo anticipo, ogni testata ha in “pancia” almeno 1/2 anni di programmazione, le storie in pratica son scritte e disegnate con largo anticipo, la Bonelli non può certo pensare di lavorare di mese in mese è banale ma altrettanto ovvio che sia così.

Il buon Recchioni, a cui abbiamo fatto e continuiamo a fare gli in bocca al lupo come curatore della serie, nella giornata di ieri sul suo seguitissimo blog in un sibillino post ha scritto:

“Anteprima della copertina di Dylan Dog 325 – Una Nuova Vita -La storia è scritta e disegnata da Carlo Ambrosini ed è il primo albo della Fase Uno, l’operazione di rilancio che, gradualmente, investirà tutte le collane legate a Dylan Dog. Se poi volete saperne di più, sul sito della Bonelli trovate i bozzetti e alcuni approfondimenti”

Approfondimenti che vengo raccontati dallo stesso Recchioni sul sito ufficiale della Bonelli con tanto di schizzi di possibili alternative che vi sintetizziamo in basso, viene chiaramente scritto che Tiziano Sclavi ha partecipato attivamente alla genesi di questa operazione che dovrebbe essere una sorta di rinascita del personaggio:

Inizialmente, l’idea era di rappresentare Dylan completamente coperto da bende ma avevamo l’impressione che più che una storia sull’identità, sembrasse una storia su una qualche sorta di mummia egizia. Abbiamo quindi optato per una soluzione diversa.

Dylan Dog

L’idea delle bende e, con esse, l’idea di una nuova identità e una nuova vita, nascono da alcuni elementi presenti nella storia stessa che ben si sposavano con le nostre esigenze di comunicazione.

Su questa idea semplice, Angelo Stano ha costruito un’immagine in cui il nostro eroe è presente ma, allo stesso tempo celato

dylan dog

Dopo vari tentavi ecco il risultato definitivo

Dylan Dog

L’idea del ritorno alle tinte piatte, al segno a china e all’utilizzo dei retini puntinati, che dovrebbe caratterizzare tutte le copertine a venire, nasce direttamente da Tiziano Sclavi. Lo scopo è quello di riportare Dylan a una dimensione più pop.

Ora mentre tutti gli schizzi preparatori si trovano sul sito della Bonelli il risultato finale non è pubblicato sul sito della Bonelli stessa, bensi sulla Fan Page di Dylan Dog il tutto in una sorta di rimandi degni delle migliori trovate pubbliciatarie, (forse per accrescere il numero di fan di Dylan si FB? pagina creata dallo stesso Recchioni in concomitanza del suo annuncio a curatore della testata)

Sembra molto chiaro che Tiziano Sclavi voglia “riappropriarsi” del SUO personaggio e Recchioni forse riuscirà lì dove aveva fallito la Barbato con il gatto Cagliostro, (storia molto Sclaviana, rimasta però senza un seguito). Quindi siamo certi che ci saranno tanti grossi cambiamenti nella testata di Dylan Dog si vocifera di una morte importante (Bloch, Groucho?) e rendere di conseguenza il personaggio molto più dark di quanto non lo sia già.

Il nostro dubbio resta però quello dell’inizio cioè che fine faranno le storie già pronte di Dylan Dog? messe in un cassetto? dirottate su qualche speciale oppure il nuovo inizio è solo una trovata pubblicitaria e la vera novità si avrà solo dopo che si saranno smaltite tutte le storie arretrate pronte, insomma un nuovo inizio si ma tra 12 mesi almeno…

9 comments to Dylan Dog fase uno (vero rilancio o trovata pubblicitaria?)

  • sachomiot  says:

    Nel virgolettato di Recchioni è CHIARAMENTE scritto: gradualmente di conseguenza credo che questa sarà una nuova storia non facente parte del serbatoio di storie già scritte e che verranno diluite ed intervallate con nuove storie scritte dai reggenti del nuovo corso dylaniato, almeno questo il mio pensiero di ibiscus nano 🙂

    • Mercuriale  says:

      la verità sta in mezzo, sempre e solamente imho ovviamente, la testata aveva perso smalto e aveva sicuramente bisogno di un rilancio in grande stile, quale modo migliore se non un nuovo inizio, che però non fosse completamentre netto e quindi traumatico per i lettori abituali della serie, con l’innesto di piccole novità accompagnate e diluite con storie, diciamo più classiche, per portare la testata ad un cambiamento di rotta netto ma effettuato con gradualità, così da consumare le storie già scritte, intervallandole con piccoli innesti che andranno a esplodere con la NUOVA STAGIONE tipico dei telefilm americani tanto amati dal buon rrobe

  • titub  says:

    Caxxo esiste davvero l’ibiscus nano!

  • fegato2  says:

    Ma vi rendete conto SCLAVI vuole riappropiarsi del SUO personaggio era ora dico io e ammazzino pure chi voglino (tanto Groucho Tiziano non lo toccherà MAI) e che Dylan ritocchi i fasti di una volta aspetto il seguito di VAMPIRI da una vita!!!

  • zio pino  says:

    Li togliete sti avatar che sono da dementi

  • Ste  says:

    La FASE UNO precede la FASE DUE solo allora, smaltite le vecchie storie, avremo il NUOVO DYLAN DOG

  • fiot  says:

    … veramente Recchioni ha rilasciato diverse interviste dove dichiarava che era fondamentalmente contrario alla morte di un personaggio, considerando la cosa come una sconfitta dell’autore stesso, parla al limite di un pensionamento per Bloch che resta uno dei suoi personaggi preferiti della serie, ergo cambierà status ma continuerà ad essere presente nella serie

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>