Se n’è andata la madrina italiana dei supereroi

La giornalista Maria Grazia Perini, considerata la ”madrina” italiana dei supereroi a fumetti creati da Stan Lee, è morta la scorsa domenica a Triuggio (Milano), dopo una lunga malattia, che l’ha stroncata all’età di 61 anni.

Durante la sua lunga carriera, la Perini ha diretto il ”Corriere dei Piccoli”, ”Snoopy”, ”Quattrozampe”, ”Eureka” e le collane Rizzoli Junior e Milano Libri. Si fece conoscere come coordinatrice di tutte le testate Marvel edite dalla Editoriale Corno, dove entrò nel 1968.

Quando l’Editoriale Corno prende in mano per l’Italia le testate dei supereroi della Marvel Comics, a Maria Grazia Perini viene affidato il coordinamento editoriale di tutte le riviste, la traduzione di alcuni personaggi (tra i quali l’Uomo Ragno, Devil, Thor) e la redazione delle pagine della posta.

Nel 1974 propone la realizzazione della prima rivista italiana dedicata all’horror, Il Corriere della Paura e l’editore Andrea Corno le affida la direzione responsabile. La rivista si caratterizza per alcune scelte particolari, in particolare per il formato più grande e la scelta del bianco e nero. Seguono, con la medesima formula editoriale, il mensile “Shang-Chi Maestro del Kung Fu” e “Dracula”.

Nel 1975 vince il premio dell’ANAF (Associazione Nazionale Amici del Fumetto) “per l’impulso dato alla Editoriale Corno con il suo apporto di idee, esperienza ed entusiasmo”

È stata lei a pubblicare e a tradurre centinaia di fumetti (tra i quali l’Uomo Ragno, I Fantastici Quattro, Devil, Thor) e a battezzare in italiano personaggi come la Donna Invisibile, la Torcia Umana e il Dottor Destino.

Al Corriere dei Piccoli apporta cambiamenti radicali, eliminando quasi del tutto i fumetti tratti dai cartoni animati giapponesi, dando spazio ad autori italiani emergenti e creando una serie intitolata Gino, ovvero l’etologia spiegata ai bambini che incontra il favore del pubblico, arrivando infine a far cambiare il titolo della testata ne Il Corrierino.

Fa realizzare la versione a fumetti de “I promessi Sposi”, la vita di “Cristoforo Colombo”, quella di “Mozart”, le avventure a fumetti di “Fantozzi” e tocca temi di attualità: con la Guerra del Golfo interpella Igor Man, il famoso giornalista de La Stampa e lo incarica di spiegare ai bambini, in quattro puntate, i motivi per i quali si è giunti a questa tragica esperienza.

Entrata a far parte della sezione Nuovi Progetti della casa editrice, si occupa della ristrutturazione di Quattrozampe, un mensile dedicato agli animali di cui diventa direttrice.

Moltissimi i titoli che pubblica: tra i tanti, la trasposizione a fumetti del Mago di Oz e del Signore degli Anelli, la collana “Dentro l’Avventura” affidata ad Ambrogio Fogar, la realizzazione di manuali per bambini con l’utilizzo di personaggi dei comics (tra i quali “Uomo Ragno” e “Braccio di Ferro”).

Nel 1989 viene insignita del premio Ravello, insieme tra gli altri a Giorgio Albertazzi, Ernesto Caffo, Cesare Marchi, Giorgio Saviane, tutti autori i cui lavori per l’infanzia furono pubblicati nel volume Favole per un anno, edito sempre da Rizzoli nello stesso anno. Negli ultimi anni ha scritto un romanzo, che giace nel fondo di un cassetto.

Noi della redazione di Fumetti Anime And Manga, porgiamo le nostre più sentite condoglianze ai familiari della Perrini e ci uniamo al loro dolore.

Tags:  , ,

Lascia un commento

È possibile utilizzare questi tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>