Psicometrica. Memorie da un futuro remoto

Psicometrica, memorie da un futuro remoto, è un’opera partorita in terra siciliana ed è anche un comics di denuncia che si occupa di temi attualissimi. Lo sceneggiatore Simone Brusca si è messo d’impegno per denunciare la violazione dei diritti umani in aziende disseminate nel mondo dove vengono sfruttati uomini e donne di tutte le età, razze e religioni per la produzione di oggetti di uso quotidiano. Farebbe bene a tutti conoscere le origini della merce che finisce nelle nostre case. L’autore, aiutato dal disegnatore Giacomo Pilato, ha seguito lo stile d’indagine di Roberto Saviano per illustrare una realtà agghiacciante e che a molti potrebbe risultare persino scomoda.

Il loro fumetto è stato prodotto dalla Verbavolant Edizioni ed è composto da ben 84 tavole che formano un’inchiesta accurata e coraggiosa. Tappeti o cellulari, per esempio, sono il frutto dello sfruttamento di bambini costretti a lavorare fino allo sfinimento (e talvolta alla morte) per compensi irrisori. Raccontare la vita degli oggetti è un modo per raccontare la non vita di tanta gente comune, nata schiava di poteri non proprio occulti che tanti non conoscono o fanno finta di non conoscere. E la scopo della Psicometrica è proprio questo: raccontare la vita di oggetti di uso quotidiano usando una tecnica e una sceneggiatura originali e questo fumetto ci riesce perfettamente.

Brusca, in un’intervista, rilasciata a Stefania Oliveri, ha commentato così il proprio lavoro: «Il nostro fumetto parla di merci, come tappeti, scarpe o parquet, dietro alle quali si cela lo sfruttamento disumano di bambini, donne e uomini. Per spiegare all’interno del racconto come fosse possibile ricostruire le vicende di ciascun oggetto ho fatto ricorso alla psicometria, ovvero alla facoltà extrasensoriale che consente di leggere il campo magnetico di un oggetto e di conoscere così la storia di tutti coloro che ne siano entrati in contatto. Poiché tale facoltà rientra nel campo narrativo della fantascienza, ho proiettato le storie degli oggetti nel futuro, da qui il sottotitolo, creato da un mio amico, Memorie da un futuro remoto»

L’intervista prosegue con domande e risposte che la dicono lunga sull’intento del fumetto e dei suoi autori, domande del tipo:

Come vi è venuta in mente l’idea di parlare di questo tema sociale partendo dal percorso che compiono gli oggetti che usiamo?

«Un mio amico mi ha suggerito di visitare il sito del giornale Peacereporter, dove ho letto della storia dei Boscimani del Botswana costretti dal governo del Paese ad abbandonare le loro terre dopo la scoperta che queste erano ricche di diamanti. Questo reportage mi ha ispirato una prima storia di sole quattro pagine, successivamente la ricerca si è estesa fino a comprendere, purtroppo, molti altri oggetti venduti in Occidente. A posteriori penso che mi abbia influenzato la frase di Gomorra, in cui Saviano affermava che sarebbe stato interessante conoscere non solo l’origine dei prodotti che compriamo, ma anche il tragitto compiuto da questi fino ad arrivare nelle nostre mani».

Di quanti oggetti parlate e come li avete legati insieme?

«Il fumetto parla di dodici oggetti, anche se purtroppo ce ne sono molti di più: l’oro, il cacao, i palloni, le scarpe sportive, i telefoni cellulari… Il filo rosso che li lega è proprio la psicometria. Ciascun oggetto è mostrato prima nel suo stato finito, nelle mani di una comune famiglia occidentale, poi girando pagina e usando la stessa inquadratura il prodotto è presentato nel suo stato originale come frutto dello sfruttamento umano, successivamente la storia della famiglia riprende e così inizia anche quella di un nuovo oggetto. Tutte le storie dei diversi oggetti sono infine racchiuse in una cornice fantascientifica che spiega il funzionamento della tecnica psicometrica».

Quali sono state le difficoltà che avete dovuto affrontare per realizzare questo progetto?

«Le difficoltà del progetto sono state molteplici. La fase di documentazione è stata lunga, accurata e basata sull’incrocio di fonti diverse e di testimonianze accertate e accertabili, inoltre poiché l’ambientazione della storia di ciascun oggetto era ogni volta diversa, dall’Africa all’America Centrale, dall’Asia alla Puglia, è stato necessario raccogliere una vasta mole di fotografie e filmati per realizzare i disegni. L’intero progetto ha, infatti, richiesto tre anni per la sua realizzazione, anche per via del necessario e costante aggiornamento delle diverse vicende, seguite nel loro evolversi fino all’ultimo minuto».

A quali risposte siete approdati alla fine di questo lavoro?

«Le risposte sono un costante appello alla nostra coscienza, viviamo sopra le nostre possibilità perché le multinazionali che controllano il mercato hanno imposto condizioni non dissimili dalla schiavitù a milioni di persone. I prodotti che arrivano dall’Africa, dalla Cina, dal Pakistan, da altri paesi asiatici e da quelli dell’America Centrale e Latina non sono mai puliti. Anche noi dobbiamo lottare per i diritti di queste persone, la delocalizzazione delle imprese in atto da qualche tempo nei nostri paesi è, infatti, un fenomeno proprio diffuso perché non abbiamo difeso i lavoratori dei Paesi in cui sono oggi trasferite le aziende, che possono così pagare salari miseri offrendo garanzie scarse o inesistenti. Non si possono difendere i propri diritti, se non si difendono quelli del nostro prossimo».

Progetti in cantiere?

«Tanti, quest’anno dovrei riuscire a pubblicare tre nuovi fumetti, due scritti a quattro mani e uno da solo».

Noi abbiamo visto le tavole di Psicometrica. Memorie da un futuro remoto e lo riteniamo un prodotto che valga veramente la pena d’essere preso, non solo perchè è un buon fumetto ma soprattutto perchè è un opera di denuncia creata per farci prendere coscienza di problemi che molto spesso neanche sappiamo esistere. Noi della redazione di FAG auguriamo all’autore un in bocca al lupo per questo titolo e siamo impazienti di leggere i prossimi e nel caso non siate ancora convinti sull’acquisto di questo volume, vi proponiamo un breve video di presentazione che rimuoverà i vostri ultimi dubbi.


Tags:  ,

Lascia un commento

È possibile utilizzare questi tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>