Laputa è l’evento più Tweettato del 2011

Il magazine GQ ha pubblicato un articolo che sicuramente spiazzerà più di una persona, rivelando quale sia stato l’evento più Tweettato del 2011.

Tutti si aspetterebbero di trovare Osama Bin Laden, Muammar Gheddafi, gli Mtv Music Awards, ma contrariamente ad ogni previsione, non è così. Il record di Twitter l’ha stabilito un film a cartoni animati. E, ironicamente, uno parecchio distante dalle atmosfere ultra hi tech di Pixar: perché a firmarlo era Hayao Miyazaki.

La trasmissione in tv in Giappone di “Laputa-Castello nel cielo”, avvenuta nel dicembre scorso, è infatti l’evento che ha generato più tweet al secondo: oltre 25mila, secondo lo stesso Twitter. Un numero pazzesco, che ha surclassato il precedente evento detentore del record: l’annuncio della gravidanza di Beyonce (stavate pensando ancora a Bin Laden o a Gheddafi?), fermo a novemila al secondo.

Twitter non rivela quanti siano gli utenti nel Paese del Sol Levante: ma quel che è certo è che il giapponese è la seconda lingua più usata sul motore di ricerca. Dove i film di animazione, a quanto pare, vanno davvero fortissimo.

In Laputa la storia inizia con una bambina, Sheeta, che, per scappare da un gruppo di pirati intenzionati a catturarla, scivola dalla sua aeronave e cade dal cielo su un villaggio. Durante la caduta una misteriosa luce avvolge la piccola, che improvvisamente inizia a galleggiare nell’aria, fino ad atterrare dolcemente nelle braccia di un ragazzo orfano, Pazu, di ritorno alla fine del suo turno in miniera.
Dopo averla soccorsa, Pazu la porta nella sua casa. La mattina, appena svegli i due fanno subito amicizia, e durante la conversazione Pazu scopre che Sheeta è una discendente del popolo di Laputa, un leggendario castello volante che viaggia nel cielo nascosto dalle nuvole da centinaia di anni. In pochi credono alla sua esistenza, ma Pazu ne è convinto grazie al fatto che suo padre, anni addietro fotografò parte della imponente struttura. Pazu racconta che persino nel romanzo I viaggi di Gulliver di Jonathan Swift vi è una descrizione del castello. Il ragazzo decide quindi di aiutarla a ritornare nella sua città e insieme intraprendono una lunga avventura, costantemente inseguiti dai pirati e dall’esercito.


Lascia un commento

È possibile utilizzare questi tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>