L’ape Maia compie 100 anni

Si avvicina il suo compleanno ed più vecchia di quanto si possa comunemente immaginare, infatti quest’anno l’Ape Maia compie, nel 2012, ben 100 anni. Quando arrivò in tv, nel celeberrimo anime, che ne ha consolidato il successo, ne aveva già una sessantina.
La nascita di questo personaggio si deve a un romanzo pubblicato nel 1912 dallo scrittore tedesco Waldemar Bonsels. Nelle pagine di un libro che portò a un autore sconosciuto notorietà e ricchezza, “Le avventure dell’Ape Maia”, la piccola ape dai capelli ricci lasciava il suo alveare spinta dalla curiosità per il mondo proprio come nel cartone animato degli anni ’70, affrontando però questo percorso di formazione” da sola. Gli amici inseparabili, il piccolo fuco svogliato Willi, e la cavalletta Flip arriveranno solo molti anni dopo, come spalla dell’eroina ormai televisiva.

Anche nel romanzo l’Ape Maia incontra altri insetti e si confronta con loro: «Come sottotitolo si leggeva romanzo per bambini ma si trattava in realtà di un libro anche per adulti», scrive nell’inserto del settimanale Die Zeit dedicato ai bambini Harald Weiss, autore di una tesi di dottorato sulla piccola ape della nostra infanzia. «Il libro parla infatti «del sentimento di solitudine, della sensazione di non trovare nessuno che ci comprenda. Parla delle cose che porta con sè la vita: gioia, tristezza, fortuna e morte».
Anche Josef Goehlen, racconta ancora lo studioso, che conduceva la tv dei ragazzi della ZDF nel 1973 aveva letto l’Ape Maia e fece produrre un cartone animato in Giappone: una serie di 52 puntate coprodotte dalla Nippon Animation e dalla austro-tedesca Apollo Film. Fu un grandissimo successo in Germania. E anche in Italia dove arrivò nel ’79, inizialmente su Rai1, con i disegni di Marty Murphy e la canzone di Katia Svizzero “Vola vola l’Ape Maia”, il cartoon fece innamorare il pubblico diventando un classico per generazioni di bambini. Nei primi anni ’80 fu trasmessa anche su Canale 5 e nel 2000 su Italia 1.


Tags:  , ,

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>