La Bruxelles dei fumetti

Molti sono i disegnatori belgi che hanno creato personaggi del graphic novel poi divenuti famosissimi (quest’anno hanno tra l’altro invaso Hollywood). Uno su tutti Tin Tin: il giovane giornalista avventuroso, con il suo caratteristico ciuffetto biondo e col fedele cane Milou, è presente su tanti murales della città (www.ebru.be/Other/Strips/StripsHome.html).

Per non parlare dei puffi, arcinota creazione belga. Ma anche molti caratteri dell’ultima animazione vivono qui le loro vicende (cfr. per esempio Stephen Spielberg e Peter Jackson), proprio in virtù delle suggestive atmosfere cangianti tipiche di questa strana capitale.

Da visitare è sicuramente il museo del fumetto (www.comicscenter.net/en/home), allestito in un bellissimo edificio dell’architetto art déco Victor Horta, o il nuovo museo ultramoderno dedicato all’autore di Tin Tin, Hergè, a Louvain La Neuve, circa mezz’ora in treno da Bruxelles (www.museeherge.com).

Per il migliore negozio di fumetti, barra a dritta su Brusel (www.brusel.com/), dove si troverà una più che fornita libreria sul centralissimo Boulevard Anspach con una piccola collezione in italiano, oltre che ovviamente in francese, fiammingo e inglese.

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>