Inoue Riprende Vagabond

Il mangaka Takehiko Inoue ha rivelato oggi che ha in programma di riprendere, il mese prossimo, la sua serie Vagabond. Il manga adesso sarà colorato.

Ricordiamo che Inoue aveva messo Vagabond in pausa a tempo indeterminato a causa di problemi di salute nel mese di agosto del 2010. Mentre ha riferito più tardi, in quello stesso mese, che il cervello e le prove sul cuore avevano rivelato che stava bene, nonostante questo ha continuato a riposare il suo corpo e la sua mente, così il ritorno di Vagabond è stato ulteriormente ritardato. Inou ha poi spiegato nel dicembre dello stesso anno che la pausa non sarebbe finita fino a quando non avesse riacquistato il suo entusiasmo per lavorare sulla serie. Ha poi rivelato lo scorso novembre che stava lavorando alla stesura dei layout per il ritorno del manga.

Vagabond è un manga ambientato in Giappone nel XVII secolo, subito dopo la fine della battaglia di Sekigahara, che vide la vittoria di Tokugawa Ieyasu; esclusi alcuni flash-back e digressioni, la storia narrata procede dall’anno 1600 in poi, col racconto delle vicende incorse a varii personaggi, tra cui spiccano, come protagonisti, Musashi Miyamoto e Kojirō Sasaki, due formidabili kensei giapponesi realmente esistiti.

Non sono gli unici personaggi a trovare riscontro nella realtà, però, poiché ad essi possono aggiungersi, senza realizzare un elenco completo: il monaco Takuan, ovvero Soho Takuan; Ito Ittosai, altro spadaccino molto noto; Gonnosuke Musoh, esperto di arti marziali, e molti altri, compresi ovviamente anche Inei Hozoin ed i rappresentanti del clan Yagyu, come Sekishūsai Muneyoshi Yagyu.

Non mancano nell’opera i riferimenti storici, oltre che nella constestualizzazione storica e cronologica, anche nei discorsi e nelle battute di alcuni personaggi. Ad esempio, dopo esser entrato nel territorio della Yagyu, Musashi spiega a Jotaro come già dagli alberi che li circondavano, molto vecchi, si poteva intuire l’abilità non solo da spadaccino ma anche da politico del capo della famiglia Yagyu, in grado di non farsi coinvolgere nei conflitti che da decenni affliggevano quella parte del Giappone. In un’altra occasione è Seijuro ad affermare che è ormai passato il tempo del dominio della scuola Yoshioka, e che è iniziato il periodo degli Yagyu.

Vagabond è stato lanciato nel magazine Kodansha’s Morning nel 1998, e Kodansha ha poi pubblicato il manga raccolto in 33 tankōbon completandoli nel maggio del 2010. Ricordiamo ai nostri lettori che Vagabond in Italia è pubblicato dalla Panini nella collana Planet Manga.

Tags:  ,

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>