È scomparso il cartoonist Giuseppe Coco

Ci giunge solo ora la notizia della scomparsa del cartoonist Giuseppe Coco, avvenuta lo scorso 4 Agosto a Biancavilla, il piccolo comune della provincia di Catania che gli ha dato i natali nel 1936.

Coco si è imposto all’attenzione delle maggiori testate giornalistiche europee e americane – raggiungendo persino il mondo dei cartoons del medio oriente e dell’Australia – a partire dal 1960, quando già precoce illustratore per Il travaso delle idee, si trasferì a Milano (risiedendovi poi circa un quarantennio), per realizzare alcuni arcobaleni con contratto Paul film. È da questa esperienza breve e intensa che si afferma professionalmente la sua vocazione di disegnatore umoristico e di illustratore.

Negli anni ha collaborato intensamente, con disegni a colori ed in bianco e nero, a periodici quali: Amica, Comix, Corriere della sera, Corriere medico, Epoca, Famiglia cristiana, Grazia, Horror, La gazzetta dello sport, L’espresso, L’europeo, La repubblica, La domenica del corriere, La settimana enigmistica, Panorama, Playmen, Relax, Zoom, ecc. in Italia; e nel mondo a: Bazar, El País, Er, Hara-kiri, Lui, Neberspalter, Pardon, Paris Match, Punch, Stern, The Saturday evening post, divenendo uno degli alfieri peninsulari dell’«humor nero».

Dal 1987 ha tenuto, per diversi anni, una pagina su Playboy. Tra le sue creazioni si ricordano, inoltre, i personaggi Arturo, Esculapia, Piccolo Slim e l’inconfondibile re dal «classico» naso appuntito, oltre ad una serie di tavole ispirate alla metropolitana milanese. Ha illustrato più di un migliaio di suoi aforismi e i corsi di lingua inglese, francese e russa De Agostini.

Distribuito dalle agenzie Disegnatori riuniti (Milano), Quipos (Milano), Ali (Bruxelles) e Bulls (Stoccolma), è riconosciuto come il vignettista italiano più diffuso nel mondo.

Scompare con lui non solo l’uomo ma anche l’artista e questo sicuramente ci rende più poveri. Noi della redazione di Fumetti Anime And Gadget, porgiamo le nostre più sentite condoglianze ai familiari ed ai cari dell’artista.

Tags:  ,

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>