Dopo il successo del manga ecco la serie tv di Binbogami!

Il mitico manga su Momiji scritto e disegnato da Yoshiaki Sukeno sul mensile Jump SQ. di Shueisha  ed edito in Italia da J-POP (edizione giunta al secondo volume contro gli attuali 12 usciti in patria) sarà presto un anime. Andrà in onda questa estate e già dalle prime immagini ci sembra essere fantastico ed avere le carte in regola per valicare i confini Giapponesi.

La serie animata, in partenza il 4 luglio in tarda notte su TV Tokyo (stesso giorno della pubblicazione del tredicesimo volume giapponese del manga), è scritta da Kento Shimoyama (Bleach, Naruto SD: Rock Lee no seishun full-power ninden), diretta dal regista Yoichi Fujita (Gintama), e caratterizzata graficamente da Kenji Tanabe, animatore chiave in Eureka Seven, Gosik e Kotetsushin Jeeg, tra gli altri, che coordinerà anche la direzione dell’animazione. Nel teaser trailer, in alto, possiamo ascoltare “Make My Day!”, sigla d’apertura interpretata da PIKO, “ryoseiriu”, cantante pop/rock giapponese che aveva già prestato la voce al mondo dell’animazione per la ending di Letter Bee Reverse.

Per chi non sapesse ancora nulla di questo manga, riportiamo di seguito la trama così come viene presentata dall’editore milanese ed a seguire il primo trailer dell’imminente serie tv.

Binbogami, ovvero i kami della povertà, divinità ancestrali che si occupano di mantenere l’armonia nel mondo. Il loro compito è quello di intervenire quando si verifica uno squilibrio tra fortuna e malasorte. Ed è proprio qui che inizia la nostra storia: Ichiko Sakura è una ragazza baciata da una fortuna fuori dal comune. Mai una difficoltà, mai un problema. Sakura vive la sua esistenza senza sforzi e senza guai, tutto a scapito dell’equilibrio cosmico del mondo umano. Ecco perché la binbogami Momiji comincia a perseguitarla…”.

Tags:  , , ,

Lascia un commento

È possibile utilizzare questi tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>