Doonesbury parla di aborto

Garry Trudeau, il popolare autore della striscia a fumetti satirica Doonesbury, pubblicata su quasi 1400 giornali nel mondo, ha preso di mira e reso ridicola la legge del Texas sull’aborto, conosciuta come HB-15. Le vignette scatenano la polemica negli States, e i giornali texani le censurano.

Nel fumetto, una ragazza si reca in una clinica per un aborto e viene fatta accomodare dalla segretaria nella “stanza della vergogna”. Secondo la legge texana le donne che vogliono interrompere una gravidanza, anche se provocata da stupro, devono sottoporsi a un’ecografia.

Lo scopo sarebbe sensibilizzarle nei confronti del feto, per convincerle a non abortire, ma secondo Trudeau si tratta di violenza sessuale. In effetti secondo l’autore, che ha rilasciato un’intervista al Washington Post, la donna “è obbligata a sottoporsi a un esame vaginale con una sonda di plastica di oltre 25 centimetri”, che assomiglia molto ad uno stupro, non vi pare? La normativa pensata dai repubblicani vuole scoraggiare gli aborti utilizzando un’altra forma di violenza. E poi, perchè colpevolizzare in questo modo la donna?

Tags:  ,

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>