Arriva John Carter!

Cento anni tondi, e non dimostrarli. Esce oggi nei cinema italiani (anche in 3D) John Carter, l’attesissimo film prodotto dalla Disney ambientato su Marte e diretto da Andrew Stanton (premio Oscar per Alla ricerca di Nemo e WALL-E). Eppure, il suo eponimo protagonista è in giro da parecchio tempo – per l’esattezza, da un secolo tondo. Era infatti il 1912 quando faceva la sua comparsa in un romanzo a puntate di Edgar Rice Burroughs, il creatore di Tarzan, il primo di una serie che nel corso di alcuni decenni sarebbe arrivata a contare ben undici titoli.

È insomma un vero e proprio mito della fantascienza quello che si appresta a raggiungere le sale con le fattezze di Taylor Kitsch (già noto ai Marvel fan per aver interpretato Gambit in X-Men le origini: Wolverine), un eroe in grado di affascinare con le sue imprese generazioni di lettori e, ora, di spettatori. Veterano della Guerra Civile statunitense, Carter si ritrova all’improvviso catapultato su un pianeta Marte (o, come lo chiamano i suoi abitanti, Barsoon) dilaniato dai conflitti interni, dove suo malgrado si troverà a dover prendere una posizione e unirsi alla battaglia.

Quella di Stanton si preannuncia dunque come una pellicola spettacolare, ricca di ambientazioni fantastiche e di azione, il cui cast è completato da Willem Dafoe, Mark Strong e, nel ruolo della principessa Dejah, l’affascinante Lynn Collins (la Silver Fox di X-Men le origini: Wolverine).

Ma non è tutto, perché la Marvel, dopo aver già dedicato al personaggio di Burroughs una serie sul finire degli anni 70, lo scorso anno ha pubblicato una nuova mini in cinque parti incentrata sulle sue avventure, scritta da Roger Langridge (Thor: The Mighty Avenger) e disegnata da Filipe Andrade (Captain America). Noi ve la proporremo ad aprile in un volume della collana 100% MARVEL intitolato, appunto, JOHN CARTER – LA PRINCIPESSA DI MARTE. Per chi volesse saperne di più, vedere il trailer e un breve making off vi invitiamo a vedere questa scheda di cinema e dintorni.

Tags:  , , ,

Lascia un commento

È possibile utilizzare questi tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>